A salir con mi primo

primo con derecho arruina mi pc gamer de 1000 dolares y me la paga

2020.11.24 20:13 sam1526lince primo con derecho arruina mi pc gamer de 1000 dolares y me la paga

historia para kazddit
elenco
yo
mi madre
madre de mi primo (la cual es una madre con derecho)=MD
primo

bueno vamos con la historia un hace como 9 meses mi madre habia invitado a algunos familiares para una fiesta que estaba organisando ella y entre esos invitado habia invitado a primo con derechos y a su madre yo soy una persona un poco asoscial asi que no acostumbro a salir con la gente prefiero quedarme en mi cuarto jugando video jugos o viendo anime la cuestion es que por alguna razon que desconosco mi primo entro a mi habitacion a "querer jugar con migo" (cabe a recalcar que tengo 15 y el tiene 9 años) y el me dijo
primo:oye puedo jugar con tigo
yo:lo siento estoy jugando un torneo de raimbow six sage en el cual hay mucho dinero si gano (lo cual era verdad)
primo:vamos no seas malo y dejame jugar
yo:claro que no quiero ganar ese dinero
primo:!SI NO ME DEJAS JUGAR LLAMARE A MI MADRE PARA QUE TE QUITE TU PC Y ME LA DE A MI
yo: si claro como si tu mama tuviera la autoridad para quitarme mi pc
primo:MAMAAAAAAAAAA
MD: !QUE LE HAS HECHO A MI HIJO
yo: no le hecho nada tia nada mas no lo estoy dejando jugar poque hay dinero en juego
MD:no me mientas solo no lo estas dejando jugar porque el es mejor que tu
primo:SIIIII soy mejor que tu
MD:ahora dale tu pc gamer a mi hijo o te las veras con migo
yo:deja de joder tia por ese somportamiento tu esposo te dejo por otra
MD: (me da una cachetada
yo (LE DEVUELVO LA CACHETADA CON EL DOBLE DE FUERZA)
MD:!COMO TE ATREVES A PEGARME AHORA COMO COMPENSACION ME LLEVARE ESA PC
luego mi tia procede a desenchufar la pc y cuando la intenta cargar crashhhhh si se le cayo la pc de lo pesada que era luego tia con derecho se pone palida del lo que hizo y sale huyendo y yo la persigo y la logro derribar y ella GRITA
MD:!SUELTAME O LLAMARE A LA POLICIA
mama: ¿que esta pasando aqui?
yo:ELLA INTENTO......
MD:EL ME ATACO Y GOLPEO A MI HIJO
mama:¿ eo es cirto hijo?
yo:no eso no es cierto mama ella intento robar mi pc y en vez de eso la rompio
MD:(palicede y con vos tartamudeando dice) B-B-B-BUENO NOSOTROS YA NOS V-V-V-VAMOS
mama:OOO no esta vez no te vas de aqui karen ya has causado muchos problemas hoy
mi madre llama a la policia y se llevan presa a karen y a su hijo por agrecion a un menor de edad intento de robo destruccion de propiedad agena e intento de huir de la autoridad ya que intento huir esa perra bueno al final presente cargos y ella tuvo que pagarme 1000 dolares mas el,monitor,mouse,teclado,mis audifinos que ella los piso entre otras cosas que llegaron a costar 500 dolares y se fue prsa por 5 años aqui en mi pais y a su hijo lo madaron a vivir con su padre el cual es muuy buena persona pero alfinal me compre una pc mas potente con ese diero
submitted by sam1526lince to espanol [link] [comments]


2020.11.21 09:31 IndividualAd7554 Quise vengarme de mi abusón, pero casi lo mato

Hola, solo quiero publicar esto aquí, no sé lo he contado a nadie pero siento que este es el mejor medio para contarlo
Contexto :
Tenía 13 años y cursaba 9no de básica, bueno, es así en mi país, ok, fui a clase y vi a un chico muy flaco e incluso algo agresivo, aunque el me trataba algo apache ( o sea a veces bien, a veces mal)
Lo llamaremos L
Y yo seré J
L era un chico que andaba muy metido en pandillas y todo eso, yo estudiaba en el turno vespertino de mi colegio, y nos dijeron que ese día entraríamos a las 2 pm, bueno fui por una zona donde hay un parque, es conocido porque estudiantes de mi colegio y otros aledaños van a tomar, fumar y drogarse ahí, bueno, como era idiota en ese tiempo, pase por ahí, para "explorar", ya que no tenía amigos , pero encuentro a L, quise ignorarlo e irme, pero el me dice :
L: Hola J
J: A hola L q tal
L: Ven, hay un vendedor por aquí ( Si saben a lo que me refiero), acompáñame y si quieres te doy poco
J: emm no pero vamos
Caminamos y el me contó como asesino a un chico dándole un cuchillazos en el pulmón, y seguía así y no encontramos al vendedor, pero si a unos chicos de la pandilla rival,
Los llamaremos LT
LT: Al fin te encontramos,sabíamos que ibas a caer en la mentira del vendedor, ahora si, que mierda le dijiste a mi primo
L: Nada, que se cuide o lo mato
LT: Ahora si veras quien mata a quien
LT Sacan varillas de metal y picos de botella rotos, el líder peleó con L y los demás se quisieron ir contra mi, pero simplemente agarre una varilla y una piedra que se les cayó a uno de ellos y solo se la avente a los chicos, quedaron aturdidos, lo cual me dio tiempo de escapar, al llegar al colegio, vi que L no había venido, y bueno después del feriado lo vi, tenía algunos cortes y moretones, se acercó a mi, me agarro contra una pared y me gritó:
L: porque me dejaste solo
J: Porque se iban a ir contra mi y no te diste cuenta, hice lo que pude ya que no se pelear bien
L: Eres un maricon por no defenderme, ve si yo no tenia la pistola, ellos me mataban
J: Y si a uno de ellos no se les caía algo, pues me mataban a mi
L: Por no defenderme, te irá mal, desearas no haberme conocido
Bueno, tuvo razón, el y sus amigos me molestaban constantemente, e incluso llegaron a quererme golpear, me robaban mi dinero, e incluso mi celular de ese entonces, cambiaban mis notas y llegaron a amenazarme de muerte si no llevaba más dinero para robarme, bueno ese día no era la excepción, el estaba jodiendome y en eso me clava un lápiz, me dejó un hueco de 5 milímetros, y bueno, ya harto se lo regreso, le clave el lápiz de la misma manera, pero el me soltó un golpe en la cara, no hice nada por el shock que tuve, bueno, viendo que era débil, me molesto aun mas y me golpeaba A DIARIO, no podía defenderme, pero un día después de llorar, por la impotencia, pues me harté, y bueno no pensé bien lo que haría, pues a la hora de salir a recreo, me escondí en uno de los cursos vacios y lo espere, ya que el salía de último, bueno quería agarrarlo a golpes, pero sabía que era debil, pensé y recordé que en mi mochila guarde una piedra por razones de seguridad, ya que como salía 6:10 pm, pues mi ciudad se volvía peligrosa, bueno vi la piedra y pensé lo que le haría, lo contaré a continuación :
El salió del curso y bajó las escaleras, al estar en la entrada principal del edifico, pues veo que no haya nadie, ya que los edificios de clases están separados de los patios, e incluso en recreo no dejan entrar a nadie a los cursos, bueno, vi que no había nadie, tomó valor y le lanzó la piedra, le apunte a la cabeza, y lo golpeó ahí, solo oí un crujido y se desmayo, solo pensé que era como advertencia para el, pero vi como empezó a desangrarse y tenía convulsiones violentas, estaba tan asustado que me fui por el edificio de los licenciados al patio y pasé el recreo normal, pero al entrar, vi como se amontonaron todos en un rincón, era una ambulancia llevándose a L, y una patrulla de policía y un camión blindado de militar, vi como se llevaron a L en una camilla y todavía tenía convulsiones y seguía desangrandose, los policías comenzaron a interrogarnos a todos, hicieron requisa e incluso buscaron huellas en la piedra, pero no encontraron nada, razón, como era invierno y hacía frío, pues tenía puestos guantes, sin quererlo, eso me salvo, bueno, el estuvo 3 meses en coma por lo que le hice y de paso lo operaron por el daño en el cráneo, ya que la piedra la tire desde un 3er piso, mas una lesión neurologica y la hemorragia severa que causó, nunca me hallaron culpable, es mas, nunca supieron quien fue, ni el mismo, el pensó que un miembro de la otra pandilla lo atacó, bueno el después de recuperarse del coma, se retiro sin avisar más, y sus últimas palabras antes de irse fueron :
L: No volveré aquí jamás, tengo miedo
Fue la primera y última vez que lo vi con miedo, bueno, solo se cambió por 1 año, y volvió a mi colegio, y otra vez esta en mi curso, bueno ahora es un chico tranquilo, atento y ya no es agresivo, según el ese "mundo" lo daño y casi lo mata, bueno, no sabe que fui YO quien casi lo mata y me hubiera encantado terminar el trabajo.
Moraleja :Si eres abusón, tu víctima se revelará y te devolverá todo lo que le hiciste, pero peor
Gracias por leer :)
Edit: Hablábamos de neurociencia en la clase de biología, y el dijo que gracias a ese "accidente" ahora tiene tics nerviosos y convulsiones violentas sin previo aviso, es mas, tuvo una convulsión violenta en medio de la clase y todos nos asustamos, pues dice que si le han propuesto una cirugía para arreglar eso, pero el no se quiere someter a ella ya que hay un 98% de probabilidades de que quede en estado vegetal de por vida, así que, si al parecer arruine su salud y su vida, ya que eso no se irá hasta que muera,me arrepiento un poco, pero al recordar lo que me hizo, pues diría que solo le pague con la misma moneda.
submitted by IndividualAd7554 to VenganzaNuclear [link] [comments]


2020.11.13 00:04 I-know-ur-secrets What is going on, I almost went to the labor on false pretenses

Ok so I didnt almost go to the labor but my cousin did, well almost anyways.... I have a cousin who was asked to go to the labor , according the her minister she was told the following : The Apostol of God, Naason Joaquin García has picked you specifically from this church to join the labor your time has come. So abit of background she had put in her letter to go to the labor like 2 years ago. Back then she was told no because her minister(same minister) he objected or commented that she was really flirty with guys from church and wears pants to school... anyways now she was told “you’ve been chosen “ . Well a lot has happened since 2 years ago, and she’s wasn’t feeling like going anymore. So she reached out to one of our uncles who’s a Pastor in the USA and explained what this minister had said ... he replied
“Mija ahorita el Siervo de Dios tiene Otras preocupaciones , el ministerio de evangelicacion es el que esta haciendo todo estos movimientos. A mi me pidieron a tu primo lo cual llo conteste que NO el esta estudiando. Si no sientes e deseo de ir, di que NO, no le estas negando al Siervo de Dios sino al grupo de evangelicacion. No hay ningun problema. El movimiento o orden es que de cada Iglesia se manden minimo 2 jovenes o matrimonios. Todo Por ordenes de las juridiciones. Lla que muchos jovenes no Han querido do salir, Pues estan mandando matrimonios. Y no les importa el comportamiento o testimonio que tengan. No lo hagas yo hablare con tu mama hoy Por la noche”
So my cousin decided to tell the minister no. He replied esta bien lla lo sabia . Then she told him , why now ? You weren’t in favor of me 2 years ago. And he answered to put her down “pues estamos Escojiendo de las sobras”
Speaking to friends in other place from New York, Florida, Dallas , Houston, Nevada, and especially California. They are doing the same thing . People are being sent to the labor from all over and the ones they choose have bad testimony, well some of them I’m not going to to bash everyone some I think still try to do some good. I se it if they are bad members what makes them think they’ll be good ministers, unless they just don’t care.
Is anyone seeing this in your church?
submitted by I-know-ur-secrets to exlldm [link] [comments]


2020.11.11 06:34 IndividualAd7554 Quise vengarme de mi abusón, pero casi lo mato

Hola, esto lo publique en el sub reddit Confesiones, pero creo que en este también servirá, bueno solo quiero publicar esto aquí, no sé lo he contado a nadie pero siento que este es el mejor medio para contarlo
Contexto :
Tenía 13 años y cursaba 9no de básica, bueno, es así en mi país, ok, fui a clase y vi a un chico muy flaco e incluso algo agresivo, aunque el me trataba algo apache ( o sea a veces bien, a veces mal)
Lo llamaremos L
Y yo seré J
L era un chico que andaba muy metido en pandillas y todo eso, yo estudiaba en el turno vespertino de mi colegio, y nos dijeron que ese día entraríamos a las 2 pm, bueno fui por una zona donde hay un parque, es conocido porque estudiantes de mi colegio y otros aledaños van a tomar, fumar y drogarse ahí, bueno, como era idiota en ese tiempo, pase por ahí, para "explorar", ya que no tenía amigos , pero encuentro a L, quise ignorarlo e irme, pero el me dice :
L: Hola J
J: A hola L q tal
L: Ven, hay un vendedor por aquí ( Si saben a lo que me refiero), acompáñame y si quieres te doy poco
J: emm no pero vamos
Caminamos y el me contó como asesino a un chico dándole un cuchillazos en el pulmón, y seguía así y no encontramos al vendedor, pero si a unos chicos de la pandilla rival,
Los llamaremos LT
LT: Al fin te encontramos,sabíamos que ibas a caer en la mentira del vendedor, ahora si, que mierda le dijiste a mi primo
L: Nada, que se cuide o lo mato
LT: Ahora si veras quien mata a quien
LT Sacan varillas de metal y picos de botella rotos, el líder peleó con L y los demás se quisieron ir contra mi, pero simplemente agarre una varilla y una piedra que se les cayó a uno de ellos y solo se la avente a los chicos, quedaron aturdidos, lo cual me dio tiempo de escapar, al llegar al colegio, vi que L no había venido, y bueno después del feriado lo vi, tenía algunos cortes y moretones, se acercó a mi, me agarro contra una pared y me gritó:
L: porque me dejaste solo
J: Porque se iban a ir contra mi y no te diste cuenta, hice lo que pude ya que no se pelear bien
L: Eres un maricon por no defenderme, ve si yo no tenia la pistola, ellos me mataban
J: Y si a uno de ellos no se les caía algo, pues me mataban a mi
L: Por no defenderme, te irá mal, desearas no haberme conocido
Bueno, tuvo razón, el y sus amigos me molestaban constantemente, e incluso llegaron a quererme golpear, me robaban mi dinero, e incluso mi celular de ese entonces, cambiaban mis notas y llegaron a amenazarme de muerte si no llevaba más dinero para robarme, bueno ese día no era la excepción, el estaba jodiendome y en eso me clava un lápiz, me dejó un hueco de 5 milímetros, y bueno, ya harto se lo regreso, le clave el lápiz de la misma manera, pero el me soltó un golpe en la cara, no hice nada por el shock que tuve, bueno, viendo que era débil, me molesto aun mas y me golpeaba A DIARIO, no podía defenderme, pero un día después de llorar, por la impotencia, pues me harté, y bueno no pensé bien lo que haría, pues a la hora de salir a recreo, me escondí en uno de los cursos vacios y lo espere, ya que el salía de último, bueno quería agarrarlo a golpes, pero sabía que era debil, pensé y recordé que en mi mochila guarde una piedra por razones de seguridad, ya que como salía 6:10 pm, pues mi ciudad se volvía peligrosa, bueno vi la piedra y pensé lo que le haría, lo contaré a continuación :
El salió del curso y bajó las escaleras, al estar en la entrada principal del edifico, pues veo que no haya nadie, ya que los edificios de clases están separados de los patios, e incluso en recreo no dejan entrar a nadie a los cursos, bueno, vi que no había nadie, tomó valor y le lanzó la piedra, le apunte a la cabeza, y lo golpeó ahí, solo oí un crujido y se desmayo, solo pensé que era como advertencia para el, pero vi como empezó a desangrarse y tenía convulsiones violentas, estaba tan asustado que me fui por el edificio de los licenciados al patio y pasé el recreo normal, pero al entrar, vi como se amontonaron todos en un rincón, era una ambulancia llevándose a L, y una patrulla de policía y un camión blindado de militar, vi como se llevaron a L en una camilla y todavía tenía convulsiones y seguía desangrandose, los policías comenzaron a interrogarnos a todos, hicieron requisa e incluso buscaron huellas en la piedra, pero no encontraron nada, razón, como era invierno y hacía frío, pues tenía puestos guantes, sin quererlo, eso me salvo, bueno, el estuvo 3 meses en coma por lo que le hice y de paso lo operaron por el daño en el cráneo, ya que la piedra la tire desde un 3er piso, mas una lesión neurologica y la hemorragia severa que causó, nunca me hallaron culpable, es mas, nunca supieron quien fue, ni el mismo, el pensó que un miembro de la otra pandilla lo atacó, bueno el después de recuperarse del coma, se retiro sin avisar más, y sus últimas palabras antes de irse fueron :
L: No volveré aquí jamás, tengo miedo
Fue la primera y última vez que lo vi con miedo, bueno, solo se cambió por 1 año, y volvió a mi colegio, y otra vez esta en mi curso, bueno ahora es un chico tranquilo, atento y ya no es agresivo, según el ese "mundo" lo daño y casi lo mata, bueno, no sabe que fui YO quien casi lo mata y me hubiera encantado terminar el trabajo.
Moraleja :Si eres abusón, tu víctima se revelará y te devolverá todo lo que le hiciste, pero peor
Gracias por leer :)
Edit: Hablábamos de neurociencia en la clase de biología, y el dijo que gracias a ese "accidente" ahora tiene tics nerviosos y convulsiones violentas sin previo aviso, es mas, tuvo una convulsión violenta en medio de la clase y todos nos asustamos, pues dice que si le han propuesto una cirugía para arreglar eso, pero el no se quiere someter a ella ya que hay un 98% de probabilidades de que quede en estado vegetal de por vida, así que, si al parecer arruine su salud y su vida, ya que eso no se irá hasta que muera,me arrepiento un poco, pero al recordar lo que me hizo, pues diría que solo le pague con la misma moneda.
submitted by IndividualAd7554 to venganzas [link] [comments]


2020.11.08 06:32 cele20 Me considero una mala persona y mi ex también piensa que soy una mala persona que no valora nada de lo que él hacía👀😢

Hola a todos les contaré Mi historia hace unos cuantos años de comerse una relación con un chico y fueron a escondidas ya que mi familia me dice entonces que estábamos estudiando no me permitía tener novio porque para ellos es o estudio o novio y siempre ha sido así y y el problema que siempre tuviste que cuando yo regresaba el colegio con mi novio nos escondimos y yo le decía que no me abrazará o que no me agarraba la mano cuando vinieran algunas personas conocidas mías por ejemplo algún tío primo me tratara porque yo sonreí chismosas Entonces siempre tuviste conflicto de que cualquier cosa que vieran mis familiares se le van a decir a mi papá y entonces se arma un pleito Así estaremos unos dos años o tres años y y no son esas nunca les les presenté a mi familia mi pareja porque a pesar de que yo ya me había graduado mi familia es un poco estricta en unos asuntos mi prima era atea y yo pertenecía a una iglesia y alguna religión entonces sabía que mis padres no me van a apoyar en ese sentido decidí esperar un momento para que yo tuviera la madurez para enfrentarlos y así poder continuar con mi relación normal y presentarle a mi familia y que él sea participativo en mi familia como yo lo era con una familia de él ya ya que él sí era una persona noble y todo me presentó con su familia me invitaba a fiestas y etcétera y su familia me quería así lo sentía yo pero no sé Luego de un tiempo y entonces transcurso hubieron muchos malos entendidos puesto que nos peleamos nos porque me había enterado de que mi pareja sólo me pidió que fuera su novia por una broma y no porque realmente me gustaría entonces surgieron muchos problemas en ese entonces y me enteré que él quería una chica que era su compañera antes de pedirme a mí que yo fuera su novia ya que como les explicaba Era una broma de él no me quería pero realmente Querías otra amiga pero de Según él me empezó a querer a los dos meses entonces surgieron muchos problemas porque el ayudaba a su amiga y están muy juntos y parecían más novios ellos que ellos que conmigo y luego aparece otra chica que también le prestaba mucha atención a mi pareja y aquí por los problemas que yo tenía de que no podía presentarlo y que a veces lo no me dejaba dar cariño va de parte de él Entonces porque mi familia me iba a Vero porque no podía salir porque mi familia no sabía que yo tenía pareja Entonces sí fue complicando haces todo eso le lastimó el y buscó Y con todo lo de su amiga que a él quería a mí me molestaba y por eso nos dejamos varias veces volvíamos y regresamos y estemos así por muchos años por 3 años para ser exactos y conoce a esa chica también le gusta todo le pidió que fuese su novia y Pero eso pasó cuando nos habíamos dejado en el transcurso y luego regresamos pero Él sigue insistiendo le a ella que le gustaba todavía fueron como 3 veces que necesito pero en diferentes meses y en una ocasión estaba conmigo como novio todavía y les pidió Entonces yo ya no confío en él Y ahora y hace dos meses y medio que él me dejó porque dijo que no me amas amas que no tenía nada conmigo y cortó la comunicación desde ese entonces conmigo no sé nada de él pero hace un poco de tiempo que me enteré que al mes de haber terminado conmigo y le quería pedir ese fuese su novia a una de sus mejores amigas y me enteré que ahí a la quería desde un principio antes que a mí Pero porque ya estaba de novio conmigo ya no le dijo nada y se quedaron como amigos pero como ahorita no tiene a nadie no y no tiene pareja entonces quería darse la oportunidad con ella pero resulta que su amiga ya tiene novio Entonces eso le dolió a él y ahorita él anda triste y estarán llorando por ella y yo pues yo soy la mala del cuento porque yo le hice mucho daño porque no me importaba haberlo tomado porque porque yo le dije varias veces solo y por eso Busco refugio en otro lado Esta es su versión de él Así que ahora pienso yo que sí es Tal vez sea sí y que yo soy la mala del cuento Aunque yo le lloré ahorita no no puedo hacer nada más que llorar porque al final para todos y tengo la culpa y lo que yo sentí el dolor que sentí nada no vale Y no importa
Posdata y se me olvidó comentarles que él luchó de cierta forma para enmendar eso y él era el que me pedía usualmente para que regresáramos y hacía cosas bonitas tampoco fue tan cruel que digamos Porque si son muchas cosas buenas por mí me ha ido bastante pero como les decía porque yo ya no voy a venir y por mi familia que ya no yo terminé de por arruinar esa relación y no sé cómo explicarles pero Consideró que si él realmente quisiera arreglar las cosas creo que si hubiera alejado de las personas que realmente me hicieron desconfiar de él pero no él seguía pegado a ella y hasta el día de hoy todavía les habla más que a mí y a mí pues me tienen cosas de que soy una persona mala y cruel y le han hecho a todos sus amigos que es así es que Soy la peor persona
submitted by cele20 to Desahogo [link] [comments]


2020.11.04 18:21 mad_pepperoni El cumpleaños de madre con derecho (golpeamos a su hijo)

Era una tarde fuimos a visitar a un tio que salio de prision nos llevo mi papa y el aprovecho que era el cumpleaños de la madre con derecho osea su novia ahi lo festejaron ahi estaban mis primos una que es mi prima menor que tenia 8 años en esa epoca yo tenia 11 años y mi primo 13 estabamos ahi sentados el niño con derecho se sento en la mesa donde estabamos mis primos yo y mis 2 hermanas lo ignoramos hasta que jugamos alas escondidas y pues el niño con derecho buscaba nos encontro ami y a mi primo pero alcanzamos a correr y nos salvamos y bueno pusimosna ver como buscaba el niño hasta que encontro a mi prima que estaba abajo de una cama ella iva a salir y alzo la cabezaporque iva a salir hasta que ese niño le jalo los pies y mi prima se pego en la cabeza nosotros nos enojamos le avisamos ala madre con derecho pero no hacia nada entonces bajamos a un terreno donde jugamos a las escondidas estaba el en la lavadora moviendo algo y le dijo mi primo
Deja ahi la vas a dañar
El niño con derecho le respondio
No tu no me mandas
Mi primo se enojo por como le contesto asi que lo agarro lo azoto contra un pilar y como el le toco una nalga a una hermana mia me vengue yo y mi primo le soltamos golpes el grito pero le tapamos la boca y mordio la mano de mi primo eso enojo mas a primo y le dio una bofetada asi que salimos corriendo a un terreno de al lado a escondernos y al final fuimos a jugar futbolito y el se queria unir mi papa desde un balcon dijo dejen jugar al niño y yo le dije ya estamos llenos ya que yo no queria que este ahi y dijo el se va a ir y no le haran nada el llego y ne toco ser equipo de el en una y perdimos porque mo sabe jugar me enoje y lo empuje y el me dijo
Ya no me empujes
Y lo empuje mas fuerte al final mi papa nos dijo agarren algo de la tienda yo les pagare y nos atascamos de cosas y el pago mucho y nos fuimos con mis primos y mi papa la madre con derecho y su mocoso se fueron a su casa
submitted by mad_pepperoni to padresconderecho [link] [comments]


2020.11.04 16:44 Nachoex363 Como esta el panorama guarani?

Como les va todo tranquilo? Quiero mudarme y vivir a paraguay pero necesitaria saber como andan alla el tema del trabajo mas que nada. Tengo 23 , mis tias y primos son de luque ,no cuento con estudios universitarios pero mi idea es ir con 800 o 900 dolares , con una moto y quedarme dos meses en luque. Trabajar de mensajeria o delivery en moto. Entonces mi pregunta como la ven? Sera que trabajando de delivery o mensajeria llegue algo asi como aunqe sea 2.500.000 guaranies Hay pedidos ya paraguay? Tmb tenia pensado salir de vendedor ambulante vendiendo chipas para mi que la gente te la saca de las manos.. Como es el tema de los vendedores ambulantes sera que venden mucho..
submitted by Nachoex363 to Paraguay [link] [comments]


2020.10.29 06:28 YuCaModrich Madre con derecho separa a mi familia

Contexto: todo esto ocurre desde que vine a vivir por 2da vez con mis abuelos paternos, en chorrillos (distrito peruano). La "karen" de esta historia es mi abuela, quien junto a li abuelo siempre han tenido de favoritas a mis 2 tías, las hermanas de mi Papá. Desde siempre a ellas se les presto más atención e incluso ahora en tiempos de pandemia son más apoyadas que mi padre. Bueno y de este favoritismo por mis tías también fue para mis primos, a tal grado que prácticamente para mi abuela yo no existo y hasta creo que le caigo mal :/. Bueno, llegamos a la casa de mis abuelos yo, mis padres y mi hermana. Al principio todo era normal, en esa epoca me levantaba temprano para ir a la escuela debido a que mi colegio quedaba en otro distrito y tenia que despertarme temprano por el largo camino que había q recorrer. Tomaba desayuno como a las 6 de la mañana, todo era tranquilo los primeros dias y tomaba desayuno con mi padre y hermana para salir, hasta que mi abuela empieza a pasar con su urinario lleno de heces y orines (su cuarto no tenía baño y para no hacer todo el camino, usa una bacenica). Para descargarla tenía que pasar ya sea por la sala o por la cocina que ambas van a la sala y el baño. Uno pensaría que por respeto pasaría por la sala para no incomodar a la gente pero ella pasaba por la cocina, lo soportamos las primeras veces pero realmente daba asco, era tomar el desayuno mientras alguien pasaba con sus heces por la cocina como si nada, mis padres no le dijeron nada pero un dia yo decidí confrontar la. Mientras me preparaba mi desayuno y el almuerzo para la escuela mi abuela paso con su caca y la conversación fue algo asi:
Yo: abuela, ¿podrías dejar de pasar con tu orina y caca por la cocina? Da asco Porque estoy tomando mi desayuno Silencio incomodo Abuela: mira me nombra a mi no me gusta que me reten en mi casa, a mi no me gusta que me reten. SE VA
Esto tendrá más peso en el futuro, descuiden
Mucho tiempo después llegaría el bautizo de 2 de mis primas, adivinaRon, esas 2 primas eran hijas de una de mis tías, las favoritas de mi abuela. Toda la familia paterna fue para el bautizo y tuve la santa suerte de sentarme al lado de mi abuela =/ . Tuvimos una conversación en la que ella decía que por ser familia mi hermana debería de darme dinero como si nada y no cobrarme porque era familia ( mi hermana en esa época trabajaba cuidando ancianos). Yo solo le dije que no había razón lógica para que mi hermana me diese dinero, ya que reconozco que ella se lo gano y ya era su decisión si quería darme. Bueno, esta conversación fue en la iglesia con una voz muy baja.
Una semana después mi abuela va con mi madre a decirle que soy un malcriado por haberle "CONTESTADO CON GRITOS" a su pregunta. esta era la primera vez que empieza con sus acciones de karen.
Tiempo después en la casa de mi tía se hace una fiesta en la que estaban todos menos yo y mi madre que nos quedamos en la casa de mis abuelos. Mi papa se paso de copas y se emborrachó y le dijo de manera cruda tanto a la abuela como al abuelo que ellos han sido una mierda con el toda la vida pero con sus otras 2 hijas fueron buenos. A tal grado que si algo pasaba con alguna de las 2 ellos iban rápido a ayudarlos pero con mi padre no. Esto tiene aun más peso ya que en teoría la casa de mis abuelos seria "heredada" por los 3 hijos y estos podrían construir más cuartos para abastecerse, el problema es que una de mis tías (la llamaremos "karen2") sin preguntarle a ninguno, tanto a mi otra tía como a mi papa, convencio a mi abuelo y agarro gran parte de lo que ya estaba construido(actualmente vivimos en esa parte ) y como era "su casa" (aunque no había ningún papel legal que lo afirmase) cuando esta discusión que mi padre generó, llamo a mi madre y le dijo que nos largaramos. Tuve que ir con mi madre hasta la casa de mi tía y nos pusimos a hablar , mi tía siempre desviaba el tema con que " esa no era la forma de decirlo" o "no debiste haber hecho eso". Le dijimos que tarde o temprano mi padre iba a explotar e iba a soltar toda la mierda acumulada que tenía durante tantos años. Un dia después llegan las 2 tías a hablar con mi papa y aquí es donde todo se va a la mierda.
La abuela empieza la discusión diciendo que mi papa la trato mal ese dia ( si claro pero si ella viene a tirar mentiras ahí si me tengo que quedar callado no?)el caso es que la discusión llego a tal grado que volvió a mentir diciendo que si yo no le hubiese reclamado sobre su caca, nada habría ocurrido y que como era su casa, en cualquier momento nos botaria, más aun que tenía1 de apoyo a karen2 que se creía demasiado por tener más dinero que el resto.empezaron a decir que deberían botarnos, afortunadamente no llego a mucho esa discusión. Pero la familia se separo desde ese dia. Ya no salgo con mis primos o primas por culpa de la abuela que hizo que los malos fuéramos nosotros, llego a tanto que para año nuevo solo somos mis padres, hermana y yo, ellos hacen su celebración a parte o hacen como si nosotros no existieramos, ya ni nos saludan y nosotros en respuesta por vanos intentos de que nos devuelvan el saludo, tampoco y ya no nos juntamos desde entonces.
En 2020 antes de la pandemia esto se incremento más luego de un año nuevo solo los 4 como siempre y los de la otra familia abajo haciendo su propia celebración, el 1ro de enero en la mañana, karen2 empezó a generar discusión otra vez, ahora diciendo que comemos gracias a ella y que solo somos un montón de pobres, llego a tal de llamar a mi madre puta y a mi madre puedes decirle muchas cosas pero puta no, fue y empezo a pelear con karen2, tuvieron que separarlas por todo el caos que genero, ya calmados nos fuimos y mi otra tía intento hablar con mi papa. El solo respondio que ya no eramos familia de ellos, que hablaban mal de nosotros y no nos respetaban. Desde ese dia la relacion se tenso aun mas, cuando los veo simplemente los ignoro, apenas saludo al abuelo o a mi otra tia y su esposo pero a los demas prefiero ni verlos.
Actualmente las cosas han mejorado un poco, principalmente porque la abuela no esta en casa por que tiene el virus de la coronita y karen2 vive lejos, aunque muchos digan que cuide a la abuela porque esta mal, la verdad me da igual si fallece o no, para mi ella murio desde el dia en que le dije que no pase con su mierda.
submitted by YuCaModrich to padresconderecho [link] [comments]


2020.10.21 09:18 Vitou-Galeno-131 Facciamo un discorso sereno sull'ex Presidente del Consiglio Benito Mussolini?

Mi piacerebbe che se ne parlasse per una volta serenamente e so che qui c'è gente bravissima a tirare banane e noccioline ma che, se vuole, sa argomentare.
Non ho mai capito il perché della fascinazione esercitata da Mussolini sugli italiani.S sente ancora oggi descriverlo come 'grande statista' 'geniale politico' e così via quando, se ci si documenta un minimo sulla sua vita e la sua carriera, ci si accorge che era un opportunista molto abile e fortunato, ma niente di più. Un politico abile a fiutare il vento e capace di cambiare casacca al momento opportuno, che ha miseramente fallito non appena la situazione si è fatta davvero critica.

Non capisco come ci si possa affezionare ad un personaggio così, che ricorda, più che un eroe, uno di quei dirigenti che in azienda fanno carriera andando alle cene con i capi, accoltellando i colleghi e leccando i culi giusti, per poi essere trombati quando c'è bisogno di qualcuno davvero capace. Un traffichino, al confronto del quale un Andreotti è un Churchill. Uno che sebbene si desse arie da capo supremo non era altro che un dipendente di alto livello, sempre sottomesso al Re e alla grande industria italiana. Agnelli e Pirelli contavano molto di più di lui.
Molti che l'hanno consociuto lo ricordano come una persona la cui irruenza all'inizio affascinava, ma dopo una frequentazione un minimo assidua emergeva la piattezza del personaggio, capace di sparate ma non di vero coraggio, una persona di istinto e fiuto ma di scarsa profondità morale e intellettuale.
Capirei se, nonostante tutto, avesse vinto la guerra ma no, della sua scelta di accodarsi ai tedeschi paghiamo tutt'ora le spese, politche e morali. O se fosse morto al suo posto, magari con le armi in pugno. Poteva farlo, Pavolini stava scappando con lui e lo ha fatto. O se avesse avuto una posizione ideologica chiara dall'inizio.
Potrei capire chi fosse affascinato da una persona come il già citato Pavolini, o Carloni, o Italo Balbo. O anche da Hitler, criminale genocida ma che almeno credeva in quello che faceva, non ha mai cambiato bandiera ed è morto per i suoi ideali folli e criminali, senza cercare la fuga.
Voi come vi spiegate che un personaggio così possa aver mobilitato generazioni di italiani, a suo favore o contro di lui, e come vi spiegate l'attrazione che ha esercitato e ancora esercita sulla società italiana?
Io proprio non ci riesco.
submitted by Vitou-Galeno-131 to litigi [link] [comments]


2020.10.17 19:14 dull-customer1602 Los hijos del demonio (leer todo) (búsqueda de respuestas)

Antes que nada quiero aclarar que esto es un texto largo, fue una de mis vivencias cuando yo asistía a la universidad y lo único que hago escribiendo todo esto es si existen más personas como yo que han tenido experiencias de este tipo.
Todo esto empezó en el 2018, cuando empecé a conocer a una chica a la que llamaré Natalia, yo para este entonces tenia 18 años, ella me envió un mensaje por messenger y empezamos a conocernos más y más, empezamos a enviarnos mensajes todos los días y a llamarnos por las noches, yo vivía a dos horas de su casa así que no podía ir y ella tampoco venia muy seguido a la mía, nuestro punto de encuentro era la universidad y ahí pasábamos nuestro tiempo juntas.
A medida que pasan los meses ella empezó a abrirse más a mi y me contó de su cadena, una cadena de plata que siempre llevaba puesta porque de no llevarla le "bajaban" espíritus o se incorporaba, o sea que, entraba en su cuerpo una personalidad que no era la suya, eso es porque tenia una gran energía espiritual y se le hacia fácil a espíritus entrar y salir; cuando esto estaba por pasar ella se ponía de muy mal humor, se quitaba la cadena del cuello y se la colocaba en la muñeca, se ponía roja, se salían golpes en el cuerpo y rasguños y se le dilataban las venas de los brazos, cuello y rostro.
Una vez nos paso que, tanto a mi como a una amiga nuestra quedamos encerradas con ella en un auto, y mi amiga empezó a rezar en su mente (cosa que me comentó después que pasó todo y nos bajamos el auto) y ella nos dijo: ¿quién de ustedes es la que esta rezando?
Ella y yo nos hicimos novias y por lo tanto yo me volví mucho más cercana a ella, y una vez en nuestras llamadas de la madrugada, estábamos hablando bastante normal y el ese momento me dijo: Julia, ahí vienen, me vienen a buscar; yo sorprendida no sabia quien era porque eran las 2:30am más o menos y ella estaba sola con su abuela en casa, mientras yo le preguntaba qué pasaba ella dejó de responder y empezó a gritar: NO, NO ME LLEVEN NO ME QUIERO IR, NO NO. Todo esto mientras lloraba y gritaba como si la estuvieran lastimando; yo aun la seguía llamando por su nombre y le decía que se calmara pero hubo un momento en que se escucharon unos pasos y luego se cortó la llamada. Esa noche no pude dormir de preocupación.
Al medio día del día siguiente ella me llamó, y estaba muy tranquila, y le pregunté por lo que había pasado ayer y me contestó: no sé de lo que me estas hablando. Y yo, bueno, ayer pasó esto y esto y me dijo: ah, creo que ya sé, esto pasa y mi mamá no me lo cuenta, vos tampoco deberías contármelo cuando pase, y me cambió el tema. Yo lo ví como un episodio más de todo lo que le sucedía y no le dí más importancia. Pero me quedó una duda, ¿quién gritaba entonces?
Empecé a interesarme más por ella y le preguntaba porqué le pasaban estas cosas y me contó, que ella nació así, que siempre veía cosas y que perdía la noción del tiempo a veces que cuando se levantaba en la mañana, luego de un par de minutos era de noche y que ella no entendía.
Después de un año de relación, ella y yo estábamos en un salón y me dice: esperá Julia, va a venir, y yo: ¿quién? ella: no lo sé, pero hacele preguntas, ella se quitó la cadena del cuello y se la puso en la muñeca, miró al suelo, respiró profundo y luego me volvió a mirar, y tuve miedo porque en el fondo de mi corazón sabía que no era ella. Y le dije, hola, y empezamos una conversación, recogimos nuestras cosas y fuimos a la cancha de la universidad y ahí nos sentamos a charlar, y me dijo, Natalia no va a volver pronto, y yo le pregunté que porqué, me contestó de que estaba ocupada, yo le pregunté en qué y ella me dijo que no tenía permitido decir eso.
El tiempo pasó y esa persona que conocí y yo nos hicimos amigas, en las ausencias de Natalia, yo me quedaba y hablaba lo más que podía con ella. Eramos tan amigas que yo podía diferenciar una de la otra, a veces en las mañanas Natalia se iba pero no me decía nada, y cuando la veía venir, sabia que se había ido, ¿como? Bueno, por la forma de caminar, por la forma de sentarse, por la forma de hablar (había cierto ronquez en la voz de Natalia que la otra personalidad no tenía, además ella no era mal educada), por la forma de mirar, la forma de sonreír, y hasta la forma de vestir.
Uno de esos días Natalia me dijo que ella, y la otra, habían tenido una conversación y me contó su historia, me dijo que era un alma de una chica de 23 años que había muerto atropellada con su novio cuando salia de la fiesta de su primo a casa, que era hija única, y que casi se graduaba.
Yo decidí darle un nombre para hablar con ella para no tener que decirle "la otra" o "ella" la llamé Angeles, porque para mi y para Natalia era un chica Angelical, en conducta y en corazón.
Para un año y tres meses de relación, empezaron los problemas, Natalia se perdía cada vez más, Angeles quedaba a cargo, a veces se llevaban a Angeles y Natalia se iba también, hasta que un momento me harté y le pregunté qué era lo que estaba pasando y me contó lo siguiente:
Me dijo que era hija del diablo, que todo esto lo supo cuando dejo entrar a Angeles y que ella bajaba al infierno a cumplir con sus labores, castigando gente, matando, y demás, me contó cómo se veía el infierno, la jerarquía, y cómo era el lugar donde las almas esperan y cumplen condena y que lo más cerca al infierno en la tierra era una pintura de El Bosco, (específicamente el tercer cuadro del jardín de las delicias). Me contó de que esas perdidas de tiempo que tenia era que inconscientemente iba al infierno a cumplir con lo que sea que le hayan mandado y regresar, que cuando eso pasaba Angeles se quedaba a cargo, pero al no conocer ni aceptar la presencia de Angeles ella no podría ver nada.
Lo más cercano al infierno según Natalia.
Cada cierto tiempo cuando ella se negaba a bajar al infierno venían demonios a golpearla (según su testimonio) y yo presencié como de la nada le salían rasguños y moretones cuando se levantó la remera para mostrarme. Se quedaba sin energía y solo lloraba, y les decía que pararan. Tuvo una ex novia en la universidad que al verla llorando, tuvieron una conversación y ella le dijo a Natalia "voy a hablar con ellos para que me pasen el castigo a mi", le pregunté qué era lo que eso significaba y me dijo: ella tiene energía blanca y me puede sanar.
Para el 1 de Junio del 2019, Natalia se perdió, y no volvía, mis conversaciones con Angeles se reducían a un: hola, ¿volvió? No. Bueno dale, chao. Y así transcurrieron 3 días seguidos, hasta que en el día numero 4 Angeles me dijo: "saldré a buscarla", y así sin más se fue, después de un par de horas le envié un mensaje pasa saber si Angeles había regresado y obtuve una llamada en contestación, pregunté quién era (me había acostumbrado a eso) me contestó una voz que no reconocí como la de Natalia o la de Angeles, sino una como de niña, le pregunté quien era y ella me contó su historia, me dijo que tenia 13 años, y no porque tuviese 13 años realmente sino porque había vivido en 13 personas diferentes desde el nacimiento hasta la muerte, en diferentes espacio-tiempo y que ése era el plan divino para todas las almas nuevas (aquellas no reencarnadas), que debían cumplir un cierto numero de cuerpos antes de poder comandar un cuerpo en la tierra y empezar su ciclo de reencarnación. Yo obviamente quedé impactada por todo lo que me contó y no dudé en creerle gracias a todo el contexto en el que yo me veía envuelta.
Luego, para eso de las 10 de la noche del 4 de Junio, hablé por teléfono con Angeles a quién yo había llamado para preguntarle ¿qué era lo que yo debía hacer para ayudarla a volver? Me contestó: siempre supiste que hacer. Dejamos de hablar a las 12 de la noche y no nos enviamos más y luego de mucho tiempo pensando, casi dos horas, caí en cuenta de que era verdad, de que si sabía qué hacer, ESO era rezar pero yo nunca creí en Dios, todos mis 19 años de escepticismo a medias se resumían en ese momento, pero yo estaba tan desesperada que me preparé para dormir, y acostada con todo apagado, justo antes de dormir oré desde el fondo de mi corazón, le pedí a Dios que si existía que la ayudara, que le diese luz para salir de donde estaba, que le diera fuerzas y que la acompañara. Pero en ese momento me interrumpió un mensaje, era Angeles y el mensaje decía: "deja de rezar que la estas lastimando" A mi me recorrió un escalofrió y luego un peso en los hombros que no soy capaz de describir pues caí en cuenta de que había alguien que me estaba escuchando y que lo que yo estaba haciendo estaba funcionando y que toda mi vida yo lo estuve ignorando. Yo dejé de rezar después de otros 5 minutos para asegurarme que había abierto y cerrado mi oración. Y me dormí.
Al día siguiente Angeles me envió un mensaje y me dijo que Natalia había vuelto, pero durmió el día entero. Pero yo meditaba todos los días y entré en contacto con guías espirituales que al día de hoy y gracias a sus enseñanzas y a mi nueva perspectiva, soy quién soy ahora, una persona muy alejada de quién era en ese momento, cuando estuve en una relación con ella.
6 meses más luego de eso, yo rompí mi relación con ella porque estaba desgastada física, mental y emocionalmente. Aunque las idas y venias nunca pararon, siempre la golpearon y Natalia se desquitaba golpeando a Angeles (cosa que supe de su propia voz)
De esta historia no quiero rescatar su conducta, quiero rescatar las personalidades que conocí, la información que me dieron, estos supuestos hijos hermosos del demonio, que en realidad son personas normales como cualquiera de nosotros pero que de vez en cuando bajan al infierno a cumplir con sus ocupaciones, cada una de estas personas tiene un alma extra como Angeles que atiende su vida cuando no están. Natalia me contó que sabía de la existencia de la chica de 13 años pero que no hablaba con ella y me contó también que había uno ser que no era humano y que era mejor que yo ni lo conociera y que tampoco hiciera preguntas.
Yo quiero agregar una información de su familia, la abuela de Natalia es una bruja negra y no quería el matrimonio de su hijo y menos el embarazo, así que le hizo trabajos para abortar, pero la mama de Natalia también es bruja y se dio cuenta de esto y lo supo deshacer a tiempo. Mi teoría es de que Natalia fue ofrecida al diablo y tal vez por eso tiene este tipo de capacidades. Ella físicamente es hermosa pero está torcida por dentro, por así decirlo, justo como ella describió a los hijos del diablo.
Yo busqué información en todos lados, foros, libros de brujería, libros de esoterismo, libros satánicos, realicé mi búsqueda y no encontré nada y por eso hago un post aquí, por si algún usuario sabe de alguien o a vivido algo como lo que yo viví en carne propia.
Cuando conté esto a una amiga me preguntó que si no será un trastorno de personalidad, y yo lo pensé también pero es refutado por Angeles cuando interceptó mi oración y las veces que vi cuando le hacían rasguños y golpes en el cuerpo con la remera levantada.
submitted by dull-customer1602 to espanol [link] [comments]


2020.10.10 05:32 MexiFR Lo mas decepcionante que te haya pasado en tu cumpleaños?

Tengo dos, una vez mis hermanas decidieron salir juntas en mi cumple, dejándome solo con mis padres todo el dia. Y el otro los tíos de mi primo (que si tienen dinero) me habían regalado un juguete de madera que consiste en tablitas que las dejas caer y generan un efecto domino, pero fue humillante.
submitted by MexiFR to AskRedditespanol [link] [comments]


2020.10.02 09:11 ilfu_nofishlikeian Sulle bolle delle case - il vostro agente immobiliare di quartiere 8/n

Arisalve, rItaliani! Esco dal letargo di lettore passivo del sub per portarvi un altro modellino di economia, su un tema super attuale: come funzionano i prezzi delle case?
Questa è la domanda da un milione di euro e in tempo di COVID, smart working, e prezzi delle case che comunque salgono, non sembra capirci un cavolo nessuno. Io non ho risposte, però speravo di presentarvi in maniera semplice lo stato dell'arte del "pensiero" rispetto al tema, cercando di lasciar perdere le due lineette di domanda e offerta che chiaramente ci dicono poco o nulla. La fonte è questa, resta una lettura molto complessa ma può essere interessante. Come al solito se avete domande, sparate.
IL SETUP
Partiamo: immaginate un semplice mercato immobiliare in cui le persone possono comprare casa o affittare. Comprare casa ha due introiti: può aumentare il prezzo della casa e non si deve pagare l'affitto. Però ha anche due spese: un mutuo e dei costi di mantenimento. Tutto è abbastanza "noto" a chi compra nel momento in cui lo fa, tranne il prezzo futuro della casa, che ha un rischio associato. Ovviamente, tutti questi fattori, determinano quello che chiameremo prezzo fondamentale della casa (una base "reale" che non dipende dalla percezione).
Ora pensiamo alle persone che prendono la decisione. Ovviamente siamo tutti diversi, però dati empirici ci hanno mostrato che le persone in linea di massima seguono due strategie, quando devono cercare di prevedere il futuro prezzo delle case (e quindi se comprare):
  • I fondamentalisti, cioè quelli che si prendono la briga di pensare al prezzo fondamentale e pensano che in qualche tempo il prezzo delle case ritornerà verso quello (e.g. pensate allo shock del COVID a Milano!)
  • I sognatori, cioè quelli che pensano che semplicemente il prezzo delle case seguirà il trend
I nostri compratori possono ovviamente passare da una strategia all'altra e decidono di farlo in base alla strategia che gli ha fruttato di più recentemente, però essere un fondamentalista è costoso (perché bisogna mettersi di buona volontà e calcolare il prezzo fondamentale) - questo è linea coi dati sperimentali!
Per esempio: pensate ad un fondamentalista, convinto che la casa dei suoi sogni costi troppo per quello che vale e che se aspetta abbastanza la potrà comprare al suo prezzo fondamentale. Però dopo qualche mese, dato che tutti i suoi amici sognatori stanno guadagnando perché si sono buttati subito, decide di cambiare strategia. O dall'altro lato, pensate ad un sognatore, che vede i prezzi delle case ritornare verso il loro valore originale, mentre lui credeva sarebbero cresciute per sempre, e quindi decide di cambiare strategia.
Ovviamente queste sono semplificazioni, ma forse meno di quanto crediate. La maggior parte delle persone che compra casa (o anche investitori professionisti) si comporta in maniera equivalente.
LA DINAMICA
Ora usiamo il modello per spiegare uno scenario. Siamo in una situazione in cui c'è un salutare aumento dei prezzi delle case (case più nuove, ristrutturazione, ecc.) e circa metà delle persone sono sognatori (seguono il trend) e metà fondamentalisti (guardano la qualità delle serrature). Ora però, dato che il prezzo sale moderatamente per qualche periodo, non conviene più essere fondamentalista: chi te lo fa fare di fare la fatica di stimare il prezzo della casa quando seguire il trend ti porta lo stesso risultato a zero costo? E allora un fondamentalista, rapidamente (costa poco!) cambia strategia e diventa sognatore. Più sognatori nel mercato mettono pressione alla domanda (questi vogliono investire, se ne fregano del prezzo reale) e quindi il trend-continua a salire, attirando nuovi sognatori.
Dall'altro lato immaginiamo di essere in piena bolla immobiliare: prezzi delle case troppo alti (rispetto al prezzo fondamentale), ci sono solo sognatori. Però qualcosa scricchiola, per qualche causa esterna (tipo smart-working), i ritorni delle case titubano. Però diventare fondamentalista costa e se costa più di rimanere sognatore e perdere qualche soldo (magari con una stanza sfitta ;) ), non conviene ancora cambiare strategia. Se la situazione è prolungata, pian piano alcuni cambieranno strategia e i prezzi delle case verranno tirati verso il loro livello "reale".
Questo esempio è molto banale però ci permette di spiegare una cosa molto importante delle bolle immobiliari: a differenza di quelle finanziarie (provate a pensare perché), si gonfiano velocemente ma si smontano molto lentamente.
IL CASO
Prendiamo un caso topico di bolla immobiliare: il Giappone - mi pare di ricordare, che nel picco della bolla, la sede dell'Ambasciata Italiana a Tokyo avesse un valore immobiliare del 10% del nostro debito pubblico (poi cerco la fonte).
Comunque, simuliamo il nostro modello per il Giappone, e questi i risultati. Il primo grafico rappresenta un indice composto del prezzo dello case e il secondo è la frazione di sognatori. Come vedete la dinamica di cui abbiamo parlato prima si presenta chiaramente. Usando questo modello, possiamo calcolare anche la differenza fra prezzo del mercato e prezzo fondamentale delle case e ancora, la dinamica è in linea con il nostro modello.
CONCLUSIONE
Ovviamente qui abbiamo solo grattato la superficie del tema, un modello non funziona perché due grafici sembrano darci ragione, ma nel paper fanno la stessa operazione per più paesi e trovano evidenza empirica sia nel comportamento dei compratori di case che nei forecast dei prezzi delle case. Vi invito assolutamente a leggerlo, se masticate di sistemi complessi in matematica, oppure a guardare i grafici per farvi un'idea, se non v'interessa la matematica e statistica che ci sta dietro.
Non sono stato molto esaustivo ma spero solo di avervi dato un'"arma" nuova per poter ragionare sulle conseguenze di uno shock come il COVID sul mercato immobiliare :)
Come al solito: domande, chiarimenti, ed errori nei commenti.
submitted by ilfu_nofishlikeian to italy [link] [comments]


2020.10.01 07:15 El-Wey-Del-Pan Madre con derecho intenta que mi primito salga con su hija, y termina en la cárcel por muchos delitos !

Wenas tardes, me presento soy el wey del pan !
Contexto : Amo a mi primito por qué es un amor, fuimos al parque con otro amigo mío y mi novia.
Elenco : MD : madre con derecho HD : hija con derecho PP : primo preferido MA : mi amor C : mi compa Yo : ps yo
Bien recuerdo que era jueves ese día, mi novia y yo ibamos en 3 de secundaria, (por la mañana) y un día antes le dije a mi primo que iría por el en carro de mi padre, para ir al parque y comprarle algo pues ese día era su cumpleaños.
Llegué a la puerta por mi primo y me lo dieron,( le dije a mi novia que esperara en el auto ) llegué al auto y subí a mi primo, el auto era un Mazda color rojo ( ESTO SERA IMPORTANTE PARA MAS ADELANTE ), llegamos al parque y le dije a mi novia que bajara a mi primo en lo que me iba a estacionar, me estacione, me asegure de que estaba bien cerrado el auto y me fui, llegué con mi novia y mi primito y vi que mi novia estaba abrazando a mi primo y mi primo estaba llorando, lo abraze y le compré un bote de burbujas, ( le encantan jajaja ) avanzamos más y me encontramos a mi amigo y la plática fue algo así :
C - ¡ Hola bro !, Cómo estás ?
Y - Hola !, Bien y tu ?
C - Bien, oye ahorita vi que una señora se acercó a tu primo con una niña más o menos de su edad, y la señora empezó a hablar con el tranquilamente y luego le empezó a gritar.
Y - es cierto eso Andrés ? ( Así se llama mi primo )
PP : ( aserto con la cabeza )
En ese momento solo pensé que ya había pasado y ya, caminamos mi primo, mi amigo y mi novia. Empezamos a escuchar una voz y vi que mi primos empezo a temblar y volteo a ver y vi a MD encabronada que hasta yo me espante, y la conversación fue algo así :
MD : HABER NIÑO TONTO !… POR QUÉ NO QUISISTE SALIR CON MI HIJA ?
Yo entre a la discusión y dije : Haber señora, como que salir con su hija si ambos tienen 7 años ?
MD : TU CÁLLATE !
( En eso veo que la HD abraza a lo primo y la aparte )
MD : COMO TE ATREVES A PEGARLE A MI ANGELITA ?!
Para este punto mi compa y yo sabíamos que procede, mi compa cargo a mi primo y salimos de ahí lo más rápido posible, llegamos a mi auto y me había dado cuenta que la madre ya estaba muy cerca de nosotros, y en eso vi que llamo a la policía, 5 minutos después ya habían 2 patrullas de las que se bajaron 5 policías y empezaron a hablar con nosotros y empezó la interrogación :
MD : ESOS NIÑOS SECUESTRARON A MI HIJO Y ENCIMA ROBARON MI AUTO, ARRESTELOS OFICIAL !!!!
C : si es cierto… que edad tiene ?, Cuando nació y como se llama ?
( La madre con derecho se puso pálida y contesto todo incorrecto )
Yo agrego : Y si le robamos el auto, me podría decir cuál es el modelo ?
( Madre intenta huir pero los policías se la llevan )
Se nos acercan los policías y nos dicen que si queríamos levantar cargos. . .
MD : no hace fal...
Yo interrumpo : si claro !
Hay c acaba todo !, Yo soy el wey del pan, me despido bye !
Posdata : si veo que tiene apoyo subo otra más chida
submitted by El-Wey-Del-Pan to u/El-Wey-Del-Pan [link] [comments]


2020.09.27 05:17 Luzh_TheEnginner HIJA CON DERECHO (mi hermana) CREE QUE SOLO POR SER MENOR DEBO HACER TODO!!! (TERMINA EN BATALLA A GOLPES Y TERMINA MUY CASTIGADA)

Haber antes de empezar quiero decir que mi hermana cambio, ya no es una hija con derecho, tambien quiero aclarar que mis padres no son padres con derecho, solo fue que la criaron mal. ya aclarado eso voy a empezar con mi historia un poco larga pero que para mi vale la pena.
Reparto: HF: Hermana con derecho
m: Mi madre
p: Mi padre
HM: mi hermano (el mas maduro de todos)
D: mi perro que ya murio :(
Yo: un Futuro ingeniero exitoso Y un fiel defensor de la igualdad de genero que sacara al pais adelante.
Contexto: Soy el hijo menor de la familia, mi hermana la mayor y mi hermano el de enmedio, viviamos en una casa muy pequeña por lo que nos pedian a mi, mi hermana y mi primo (No tiene relevancia en esta historia pero vive con nosotros) que ayudaramos a limpiar la casa , todos estabamos de acuerdo pues mi padre trabaja y mi mama era quien hacia las compras importantes y otras cosas importantes, todos estaban de acuerdo, menos mi hermana, ella siempre hacia que le hiciera los deberes, barrer, ir a hacer las compras y otras que ella debia hacer, soy muy paciente, me dicen "mecha larga", porque las bombas mas devastadoras tienen mecha larga, pues cuando me enojo soy el mismo diablo, ahora si empezemos.
Era sabado por la mañana mi padre y mi hermano (mi hermano le ayuda en el trabajo a mi padre, cuando tiene tiempo libre) fueron a trabajar y mi madre a comprar, asi que dejaron a mi hermana limpiando la casa,y como siempre, mi hermana vino y me dijo:
HF: Ponte a limpiar la casa!!! y haceme caso porque soy la mayor!!
Yo que estaba muy aburrido pues ya me habia acabado todos los animes que tenia que ver (Soy un otaku devoto) , necesitaba pensar cual anime ver, asi que limpiar la casa me ayudaria a perderme en mis pensamientos y acepte, ohh GRAVE ERROR
Yo: esta bien, exclame
y me puse a limpiar la casa. mi hermana no conforme con esto pues ella necesitaba su dosis diara de superioridad, viene cada 1-3 minutos, y me dice.
HF: HAZLO MAS RAPIDO!!!
HF:TODAVIA HAY SUCIO AHí!!!
etc.....
yo estoy acostumbrado a eso pero siempre me empiezo a frustar cada vez que actua asi, pero el chispa que detono la bomba fue cuando ella vino y dijo:
HF: HACELO BIEN!!!MALTIDO BUENO PARANADA!!!, NO TE ENSEÑARON A USAR UNA ESCOBA!!! AGARRALA BIEN Y PONTE A LIMPIAR BIEN!!!
Fue cuando ya tube suficiente me pare firme, inhale mucho aire y grite una de las frases que comenzaria a usar en contra de ella:
Yo: CALLATE!!! MALPARIDA DE MI**DA!! SI NO TE GUSTA COMO LO HAGO, HAZLO TU !!!!
HF se enfada mucho y me dice:
HF: APRENDE A RESPETAR A TUS MAYORES MALCRIADO!!!
y procede a cachetearme, yo me enfureci, y cuando ella lanzo la segunda cachetada la evite con mi brazo izquierdo y la cachetie bien rico con mi brazo derecho, HF estaba roja de ira y me aruño la cara, me hice un rasgon desde la zona de las ojeras hasta por lo menos donde se marca el hueso de la mandibula, fue cuando yo explote, la agarre con mi brazo izquierdo y le di 2 puñetazos en la cara, ella grita y D que es muy sobreprotector con HF viene y se me tira encima para morderme, entonces yo le di senda patada voladora en el ocido,D luego de esto se fue chillando a la cocina (no se procupen solo le deje un poco rojo pero nada mas, luego lo mime lo mas que pude para disculparme por la patada voladora, hasta que murio por causas naturales), HF aprovecha y se me avalanza encima de mi y me causa mas aruñones, me hizo un aruñon que iba desde el hombro hasta la zona del corazon, dos aruñones grandes en el brazo derecho y en la espalda y 3 aruñones en el cuello, asi que cuando recupere mi equilibrio la agarre, y le segui dando puñetazos hasta que llego P a la casa porque olvido algo, P nos ve y nos grita.
P: QUE P*TAS LES PASA A USTEDES!!! y P procede a separarnos, nos regaña y dice que en la noche vamos ver y P procede a irse de nuevo a trabajar. seguido de esto M llega de hacer las compras, me todo aruñado y dice:
M: QUE TE PASO!!!
HF interviene y dice:
HF: El trato de matarme por que le pedi que ayudara un poco en el aseo de la casa!! llama a la policia y metelo en carcel por abusador!!
M que bien sabe como es HF se pone de mi lado, y procede a ponerme alcohol medicinal en los rasguñones. llega la noche y llega la parte que mas disfrute. P y HM llegan de trabajar y P es un hombre de palabra, y empieza a regañarnos, y empieza a discutir con M para ver quien tiene la culpa, y HM ya sabiendo todo y como el hombre maduro que es hace que P y M se relajen y dice:
HM: Los dos tiene la culpa!! HF porque es un creida y cree que por ser mayor tiene el control total sobre nosotros y YO por que no debio reaccionar asi, pero la que tiene mas culpa es HF pues es la malcriada que descencadeno toda esa pelea.
Fue cuando P y M se pusieron de acuerdo y dictaron nuestra sentencia, a mi por ser el que menos tenia culpa solo me pegarían con el cinturon y me pondria a hacer las compras importantes, sacar al perro a pesear entre otras cosas, por una semana, procedieron a pegarme con el cinturon de cocodrilo de mi papa, para mi el cinturon que mas duele, pero si eso era necesaro para ver lo que harian con HF dejaria que lo hicieran de nuevo, le pegarian porprimera vez a HF y con el cinturon de cocodrilo, le quitarian sus celulares y el internet, no le permitierian salir por 2 semanas, ella se encargaria del aseo de la casa por 2 meses, y no se que mas, y si no cumplia con estos castigos la echarian de la casa pues HF tenia ya 26 años y no es la primera vez que se pelea con algun miembro de la familai. ademas nunca busco trabajo porque P la mantenia, entonces procedieron a pegarle con el cinturon de cocodrilo, esa noche grito como nunca y yo no podia para de reir fue el dia que mas rei en mi vida incluso mi hermano que era el mas respestuoso de toda la familia se rio a carcajadas. durante todo el tiempo que duro el castigo de HF disfrute como ella se notaba muy furuiosa al cumplir los castigos y siempre le decia:
Yo: Te falto limpiar aca!
Yo: no te olvides de limpiar mi cuarto!
Yo: Limpia bien!!! Acaso no te enseñaron a usar una escoba?!!
Yo: te llego el mensaje de jose para la invitacion de su fiesta?
Disfrute como nunca. ahora no se si es por obra del destino o por alguna fuerza desconocida que HF recapacito y dejo de ser una hija con derechos, hoy que estabamos en una reunion familiar recordamos esto y nos reimos y fue cuando lo recorde y decidi publicarlo.
Venganza dulce Veganza
submitted by Luzh_TheEnginner to padresconderecho [link] [comments]


2020.09.20 13:58 SamueleDelPapa Come hanno fatto in Italia durante la seconda guerra mondiale così hanno mentito sulla Cambogia durante la guerra fredda e la solita propaganda americana deglianniprimiXIX serve agli Usa per giustificare l'intervento armato ricordate che molti documenti sono fasulli per fortuna non ètutto oro colato

18 SETTEMBRE 2012 Pol Pot Revisited di ISRAEL SHAMIR Ora, nella stagione dei monsoni, la Cambogia è verdeggiante, fresca e rilassata. Le risaie sui pendii delle basse colline sono allagate, le foreste che nascondono antichi templi sono quasi impraticabili, il mare agitato scoraggia i nuotatori. È un momento piacevole per rivisitare questo modesto paese: la Cambogia non è affollata ei cambogiani non sono avidi, ma piuttosto pacifici e rilassati. Pescano gamberi, calamari e orata di mare. Coltivano riso, non contaminato da erbicidi, piantato, coltivato e raccolto manualmente. Producono a sufficienza per se stessi e anche per l'esportazione - decisamente niente paradiso, ma i soldati di campagna.
Il socialismo viene smantellato rapidamente: le fabbriche di proprietà cinese continuano a sfornare magliette per il mercato europeo e americano, impiegando decine di migliaia di giovani ragazze cambogiane che guadagnano $ 80 al mese. Vengono licenziati al primo segno di sindacalizzazione. Le ricchezze liberty vivono nei palazzi; ci sono molte auto Lexus e occasionali Rolls-Royce. Enormi tronchi neri e rossi, duri e preziosi vengono costantemente traghettati al porto per l'esportazione di legname, distruggendo foreste ma arricchendo i commercianti. Ci sono molti nuovi ristoratori francesi nella capitale; I rappresentanti delle ONG guadagnano in un minuto l'equivalente dello stipendio mensile di un lavoratore.
Non rimane molto del periodo turbolento in cui i cambogiani cercarono di cambiare radicalmente l'ordine delle cose nel corso della loro unica rivoluzione contadina tradizionalista conservatrice sotto la bandiera comunista. Quello era il periodo glorioso di Jean Luc Godard e del suo La Chinoise, della Rivoluzione Culturale in Cina che inviava bonz di partito per la rieducazione in fattorie remote, dei Khmer Rossi che marciavano sulla capitale corrotta. Il movimento socialista raggiunse un punto di biforcazione: se avanzare verso un maggiore socialismo in stile Mao o ritirarsi verso un minore socialismo alla maniera di Mosca. L'esperimento dei Khmer rossi è durato solo tre anni, dal 1975 al 1978.
Sorprendentemente, i cambogiani non hanno brutti ricordi di quel periodo. Questa è una scoperta piuttosto sorprendente per un visitatore raro. Non sono venuto per ricostruire “la verità”, qualunque essa sia, ma piuttosto per scoprire qual è la memoria collettiva dei cambogiani, come percepiscono gli eventi della fine del XX secolo, quale “narrativa è stata filtrata dal tempo passato. L'onnipotente macchina narrativa dell'Occidente ha incorporato nella nostra coscienza l'immagine di sanguinari comunisti Khmer rossi che cannibalizzano la loro stessa gente sui Campi di sterminio e sono governati da un incubo Pol Pot, la nozione di chiunque di despota spietato.
Un professore americano molto citato, RJ Rummel, ha scritto che "su una popolazione del 1970 di circa 7.100.000 ... quasi 3.300.000 uomini, donne e bambini furono assassinati ... la maggior parte di questi ... furono assassinati dai Khmer rossi comunisti". Ogni seconda persona è stata uccisa, secondo la sua stima.
Tuttavia, la popolazione della Cambogia non è stata dimezzata, ma più che raddoppiata dal 1970, nonostante i presunti genocidi multipli. A quanto pare, i genocidi erano inetti, oi loro risultati sono stati notevolmente esagerati.
Il Pol Pot che i cambogiani ricordano non era un tiranno, ma un grande patriota e nazionalista, un amante della cultura indigena e dello stile di vita nativo. È stato allevato nei circoli del palazzo reale; sua zia era una concubina del re precedente. Ha studiato a Parigi, ma invece di fare soldi e una carriera, è tornato a casa e ha trascorso alcuni anni a dimorare con le tribù della foresta per imparare dai contadini. Provava compassione per la gente comune del villaggio che veniva derubata quotidianamente dalla gente di città, i parassiti compradori. Ha costruito un esercito per difendere la campagna da questi ladri che brandiscono il potere. Pol Pot, un monaco dai bisogni semplici, non cercava ricchezza, fama o potere per se stesso. Aveva una grande ambizione: porre fine al fallimentare capitalismo coloniale in Cambogia, tornare alla tradizione dei villaggi e, da lì, costruire un nuovo paese da zero.
La sua visione era molto diversa da quella sovietica. I sovietici costruirono la loro industria dissanguando i contadini; Pol Pot voleva prima ricostruire il villaggio e solo in seguito costruire un'industria per soddisfare le esigenze degli abitanti del villaggio. Disprezzava gli abitanti delle città; non hanno fatto nulla di utile, a suo avviso. Molti di loro erano legati agli strozzini, una caratteristica distintiva della Cambogia postcoloniale; altri aiutavano le compagnie straniere a sottrarre alle persone la loro ricchezza. Essendo un forte nazionalista, Pol Pot era sospettoso delle minoranze vietnamite e cinesi. Ma ciò che odiava di più era l'avidità, l'avidità, il desiderio di possedere le cose. San Francesco e Leone Tolstoj lo avrebbero capito.
I cambogiani con cui ho parlato hanno criticato le terribili storie dell'Olocausto comunista come un'invenzione occidentale. Mi hanno ricordato quello che è successo: la loro breve storia di guai è iniziata nel 1970, quando gli americani cacciarono via il loro legittimo sovrano, il principe Sihanouk, e lo sostituirono con il loro dittatore militare per procura Lon Nol. Il secondo nome di Lon Nol era Corruzione, ei suoi seguaci hanno rubato tutto ciò che potevano, trasferito i loro guadagni illeciti all'estero e poi si sono trasferiti negli Stati Uniti. In cima a questo vennero i bombardamenti statunitensi. I contadini corsero dalla guerriglia forestale dei Khmer rossi, guidata da alcuni laureati della Sorbona, e alla fine riuscirono a cacciare Lon Nol ei suoi sostenitori americani.
Nel 1975, Pol Pot conquistò il paese, devastato da una campagna di bombardamenti statunitensi della ferocia di Dresda, e lo salvò, dicono. In effetti, gli aerei statunitensi (ricordate Ride of the Valkyries in the Apocalypse is Now?) Sganciarono più bombe su questo povero paese di quante ne avessero sulla Germania nazista, e sparsero le loro mine su tutto il resto. Se i cambogiani sono costretti a nominare il loro grande distruttore (e non sono entusiasti di scavare nel passato), è il professor Henry Kissinger che chiamano, non il compagno Pol Pot.
Pol Pot ei suoi amici hanno ereditato un paese devastato. I villaggi si erano spopolati; milioni di profughi si sono radunati nella capitale per sfuggire alle bombe americane e alle mine americane. Indigenti e affamati, dovevano essere nutriti. Ma a causa della campagna di bombardamenti, nessuno ha piantato riso nel 1974. Pol Pot ha ordinato a tutti di allontanarsi dalla città e verso le risaie per piantare il riso. Questo è stato un passo duro, ma necessario, e in un anno la Cambogia ha avuto un sacco di riso, abbastanza da sfamare tutti e persino da vendere un po 'di eccedenza per acquistare le merci necessarie.
La Nuova Cambogia (o Kampuchea, come veniva chiamata) sotto Pol Pot e i suoi compagni era un incubo per i privilegiati, per i ricchi e per i loro servitori; ma i poveri avevano cibo a sufficienza e gli veniva insegnato a leggere e scrivere. Quanto alle uccisioni di massa, queste sono solo storie dell'orrore, affermavano i miei interlocutori cambogiani. Sicuramente i contadini vittoriosi spararono a predoni e spie, ma molti altri morirono per le mine piantate dagli americani e durante la successiva conquista vietnamita, dissero.
Per ascoltare l'altra parte, mi sono recato nei campi di sterminio di Choeung Ek, il memoriale dove sono state uccise e sepolte le presunte vittime. Questo è un luogo a circa 30 km da Phnom Penh, un parco verde ordinato con un piccolo museo, molto visitato dai turisti, il cambogiano Yad va-Shem. Una targa dice che le guardie dei Khmer rossi avrebbero portato dai 20 ai 30 detenuti due o tre volte al mese e ne avrebbero uccisi molti. Per tre anni, sarebbe ammontato a meno di duemila morti, ma un'altra targa diceva infatti che hanno dissotterrato circa ottomila corpi. Tuttavia, un'altra targa ha detto che ci sono stati oltre un milione di morti. Noam Chomsky ha valutato che il bilancio delle vittime in Cambogia potrebbe essere stato gonfiato "di un fattore mille".

Non ci sono foto degli omicidi; invece, l'umile museo conserva un paio di dipinti naïve che mostrano un uomo grande e forte che ne uccide uno piccolo e debole, in uno stile piuttosto tradizionale. Altre targhe recitano: "Qui erano conservati gli strumenti omicidi, ma ora non rimane nulla" e iscrizioni simili. A me, questo ha ricordato altre storie di atrocità rosse sponsorizzate dalla CIA, che si tratti del Terrore di Stalin o dell'Holodomor ucraino. Le persone ora responsabili degli Stati Uniti, dell'Europa e della Russia vogliono presentare ogni alternativa al loro governo come inetta o sanguinosa o entrambe le cose. Odiano soprattutto i leader incorruttibili, siano essi Robespierre o Lenin, Stalin o Mao - e Pol Pot. Preferiscono i leader appassionati di innesto e alla fine li installano. Gli americani hanno una buona ragione in più: gli omicidi di Pol Pot servono a nascondere le loro atrocità, i milioni di indocinesi che hanno fatto con il napalm e mitragliati.
I cambogiani dicono che molte più persone sono state uccise dagli invasori vietnamiti nel 1978; mentre i vietnamiti preferiscono spostare la colpa sui Khmer rossi. Ma il governo attuale non incoraggia questo o qualsiasi altro scavare nel passato, e per una buona ragione: praticamente tutti i funzionari importanti sopra una certa età erano membri dei Khmer rossi, e spesso membri di spicco. Inoltre, quasi tutti hanno collaborato con i vietnamiti. L'attuale primo ministro, Hun Sen, era un comandante dei Khmer rossi e in seguito ha sostenuto l'occupazione vietnamita. Quando i vietnamiti tornarono a casa, rimase al potere.
Anche il principe Sihanouk, esiliato dagli americani, ha sostenuto i Khmer rossi. Tornò a casa nel suo palazzo reale ordinato e al suo tempio d'argento adiacente con il Buddha di smeraldo dopo la partenza dei vietnamiti. Incredibilmente, è ancora vivo, anche se ha trasferito la corona a suo figlio, un monaco che ha dovuto lasciare il monastero e salire al trono. Quindi anche la famiglia reale non ha voglia di scavare nel passato. Nessuno vuole discuterne apertamente; la storia ufficiale delle presunte atrocità dei Khmer Rossi è radicata nella coscienza occidentale, sebbene i tentativi di processare gli autori abbiano dato scarsi risultati.
Guardando indietro, sembra che i Khmer rossi di Pol Pot abbiano fallito nella loro politica estera piuttosto che in quella interna. Va bene che abbiano cancellato denaro, dinamizzato banche e inviato banchieri a piantare riso. Va bene che abbiano prosciugato la grande sanguisuga succhiasangue, i compradors delle grandi città ei prestatori di denaro. Il loro fallimento è stato che non hanno calcolato la loro posizione rispetto al Vietnam e hanno cercato di spingersi oltre il proprio peso. Il Vietnam era molto potente - aveva appena sconfitto gli Stati Uniti - e non avrebbe tollerato sciocchezze dai loro fratelli minori di Phnom Penh. I vietnamiti pianificarono di creare una Federazione indocinese che includesse Laos e Cambogia sotto la propria guida. Hanno invaso e rovesciato gli ostinati Khmer rossi che erano troppo entusiasti della loro indipendenza. Hanno anche sostenuto la leggenda nera del genocidio per giustificare il proprio sanguinoso intervento.
Parliamo troppo dei mali commessi durante i regimi futuristi e troppo poco dei mali degli avidi governanti. Non capita spesso di ricordare la carestia del Bengala, l'olocausto di Hiroshima, la tragedia del Vietnam o persino Sabra e Shatila. L'introduzione del capitalismo in Russia ha ucciso più persone dell'introduzione del socialismo, ma chi lo sa?
Ora possiamo rivalutare con cautela i coraggiosi tentativi di raggiungere il socialismo in vari paesi. Sono stati eseguiti in condizioni dure e avverse, sotto la minaccia di intervento, affrontando la propaganda ostile. Ma ricordiamoci: se il socialismo ha fallito, anche il capitalismo ha fallito. Se il comunismo è stato accompagnato dalla perdita di vite umane, così è stato ed è il capitalismo. Ma con il capitalismo non abbiamo un futuro degno di essere vissuto, mentre il socialismo offre ancora speranza a noi e ai nostri figli.
Copia e incolla
submitted by SamueleDelPapa to u/SamueleDelPapa [link] [comments]


2020.09.18 02:44 elsamu14 Mi primera experiencia Paranormal

= )
Elenco:
TS : tios o tias
YO : batman
PP : papa
H : hermana
AB : Abuela
P : primo o prima
Dicho esto empesemos
un 2 de diciembre de 2015 mi papa propuso a mi mama ir a visitar junto con nosotros a su mama osea mi abuela al principio mi mama no estaba de acuerdo ya que por una disminucion del monto de las jubilaciones la gente estaba un poco enojada y algunos hasta proponian marchas para que el monto del dinero de la jubilacion vuelvan como estaban, pero desistio y nos dejo ir (porque ni ibamos en dos años el viaje iba bien hasta que lleguamos a la capital donde vive mi abuela ya que alguien avia propuesto una marcha como habia dicho y estaban manifestando (dando problemas al entrar a la ciudad horas despues porfin lleguamos.
Todo estuvo bien mi PP mi H y yo nos alojamos en un pqueño espacio que tenian era un poco incomodo pero estaba bien si solo era unas semanas no jaja pues no la marcha anterior se salio de control con los antimotines y algunos quedaron heridos y un chico murio porque un balin mal hecho (tenia una parte afilada) le dio en la garganta a siendo que se ahogara en su propia sangre por ese incidente las estaciones de buses cerraron por el bienestar y seguridad de los pasajeros y los conductores y la emocionante paseo por el departamento en el que naci se convirtio en el martirio de no poder salir de ai y estar incomodos (por un largo tiempo seguiamos en el pequeño lugar que nos habian dado.
Para que no se alargue mas ire explicando lo que paso asi
Semana 1
mi AB nos habia puesto a dormir con una prima a mi H y a mi y mi papa siguio en el pequeño lugar un poco mas comodo si nosotros. a finales de esa semana mi H habia ido a visitar a unos tios y mi prima hiba a recibir a mi tia que regresaba de españa asi que me quede solo podrias pensar que suerte tienes un dia con el cuarto solo pero le tengo miedo a dormir sin alguien cerca y a la oscuridad ,pobre de mi AB me obligo a apagar la luz y me alumbraba con el brillo de mi computadora (de la historia de tia con derecho) y pase buen rato intentando dormirme hasta que porfin me estaba tranquilizando hasta que en que estoy entrecerrando los ojos veo una silueta parada l pie de la otra cama en el momento que la vi salte de la cama asustado (no pude dormir en toda la noche)
semana 2
no paso nada
semana 3
no paso nada
semana 4
estaba durmiendo con mi H cuando escucho un ruido raro no uno hecho por un gato ni por el aire este era mas humano pero pense que me lo habia imaginado asi pase un rato hasta que lo escuche denuevo esta vez me fige de donde venia el sonido pero no habia nada en eso veo que una pintura de uñas se cae al piso por si sola solo me puse la cobija en la cara y me acerque lo mas que pude a H
semana 4
estaba viendo videos de reddit XD cuando en eso con el rabillo de el ojo vi algo moverse muy rapido pero no le preste importancia
semana 5
algo parecido a semana 4
semana 6
me levante temprano para ir al dentista y me di cuenta que mi carro de control remoto no estaba donde lo deje pero todos estaban durmiendo asi que no sabia que pensar asi que solo fui al dentista y cuando regrese pregunte si alguien uso mi carro nadia lo a usado
semana 7
mi mama y mi papa estan a siendo los tramites para construir un pequeño pero acojedor cuarto para mi H PP y yo y estaba empesando a recibir clases online
semana 8
estaba empesando a asustarme porque siempre en la noche algo se caia o se movia de lugar sin ninguna razon y se lo dije a mi PP y a mi H ninguno me tomo con seriedad
semana 9
estaban empesando a construir el cuarto y cuando estaba haciendo tareas senti que alguien me toco pero no habia nadie decidi irme de la habitacion (el cuarto practicamente ya esta terminado)
semana 10
estabamos subiendo las cosas a los cuartos y apenas entro siento un cambio de temperatura imposible de que pasara la primera noche la intencidad de cosas que se caian habia incrementado haciendo un poqueño desastre y obiamente culpandome a mi
semana 11
estaba durmiendome cuando vuelvo a ver la pequeña sombra de la semana 1 en una esquina del cuarto cerre los ojos y reze para que se fuera no se si lo hiso porque me dormi
semana 12
la cosa se esta calmando con la capital mi mama dice que talvez en unas semanas ya nos podriamos regresar a nuestra casa, las cosas se mueven tanto que la mesa queda toda desordenada y varias cosas en el piso que limpio yo tambien comienso a ver mas seguido a la sombra. Era martes y estaba emociondo porque abian comprado pizza en eso cuando subo las escaleras casi a la mitad siento un fuerte empujon que a se que me caiga de donde estaba nada grave solo moretones y un chichon (bulto en la cabeza provocado por un golpe) ellos piensan que solo me resbale pero no quiero contarles la verdad
semana 13
practicamente no hay dia que no vea la sombra, las veces que algo se cae an disminuido pero aun asi no puedo dormir pensando que va a estar la sombra ai cuando abra lo ojos provocandome ojeras
semana 14
ya en unos dias nos vamos estamos arreglando todo y dejando solo algunos muebles que no ocupamos en eso escucho una historia :
T : sabias que (inserte nombre de sobrino) antes decia que habia una niña con la que jugaba
P : encerio
T : hasta que un di
me quede congelado
T : dijo que la niña le daba miedo y que le dijera su mama que lo dejara en paz, que imaginacion la de (inserte nombre de sobrino)
P : verdad que si siempre desde chiquito a sido asi
en eso recuerdo las veces que vi a la sombra nunca me habia dado cuenta pero si tenia forma de niña ese dia me propuse a tomarle foto asi que cuando mi H se durmio agarre mi telefono y comence a grabar todo el cuarto en eso en la misma esquina que la primera vez la veo y tan rapido como la enfoco la camara se desvanecio no se la quise enseñar a nadie para no asustarlos aun conservo la foto hasta la postie en un foro y se usa en algunos crepypastas si investigan. Mis padres se dieron cuenta de que casi no dormia y mi papa pensaba que era por lo que le dije antes del fantasma el psicologo solo me reseto unas pastillas para dormir porque segun el tenia mente imperactiva no soluciono nada pero aun asi las pastillas me adormecen lo suficiente como para dormirme
semana 15
mis ojeras desaparecieron, ya estamos listos para irnos pero nos tomamos unos dias estuve apunto de llorar cuando oi que mi papa dijo que nos quedaramos unos dias mas pero me retuve. Llego finalmente el dia estaba tan feliz de porfin irme estaba lavandome la cara estaba con sueño, hacia frio era de madrugada pero senti un aire caliente en la parte de mis pies (no de nuevo pense) voltie a ver para todos lados y debajo de la cortina vi unos piesitos pero no eran de una sombra tenian apariencia humana en cuanto la veo escucho una risita burlona que talves la oia como un susurro pero senti que resonaba en toda la habitacion y tan pronto cuando oi esa risa lo piesitos salieron corriendo a la parte de la cocina donde estaba mi papa cocinando el desayuno asi que fuera de miedo para ´´Ayudar´´ a mi papa salgo corriendo a la cocina pero no habia nada solo mi papa cocinando unas lonchas de tocino le pregunte si no vio nada raro y el me dijo :
PP : no y que me tenes te miras palido
Yo : nada e.. estoy bien
PP : ok ve a despertar a tu hermana que el desayuno ya esta
YO : bueno
regrese y desperte a mi hermana depues de desayunar nos despedimos y salimos de la casa y yo no me sentia bien sentia que me hiba a desmayar del cansancio en eso volteo a ver a la casa de mi abuelita una hermosa y grande casa color turquesa y en eso no se si estaba medio dormido pero vi a la niña en una ventana su rostro era borroso para mi no lo aparentaba porque no la veia bien pero sabia que se estaba burlando asi que yo cansado le saque el dedo y derrepente ya no se veia burlona si no como un perrito regañado y en eso de la misma forma que cuando le tome la foto desparecio
llegamos a la estacion de buses y yo exausto recuesto mi cabeza en el hombro de mi papa y antes de dormirme ya era un habito mirar bien alrededor pero esta vez no vi nada puse una pequeña sonrisa y cerre los ojos. No se si lo soñe o no pero justo antes de perder la consciencia escuche una voz dulce y con un tono triste decir ´´Perdon´´ estoy seguro que lo soñe el espiritu que vi lo era todo menos amistoso.
Y ai esta mi historia y ahora vamos mas seguido a casa de mi abuela por el cuarto que tenemos ai pero no e vuelto a ver a la sombra y espero que siga asi.
submitted by elsamu14 to HistoriasdeTerror [link] [comments]


2020.09.17 22:33 hectoryto Madre con derecho exige que su hijo tenga relaciones con la novia de mi primo

Segundo post, gracias por el apoyo anterior
Edit 1: si alguien quiere usarla para un video, mi condición es mandarme el link de este cuando se suba
Elenco:
Md: Karen madre con derecho (aprox 40)
AD: adolecente con derecho (como 16)
Mi primo: cinturón negro en karate (19)
Np: Novia de mi primo y chica amable y bonita (18)
Yo: que no ise mucho (12)
Contexto: mi primo y su novia soy muy cariñosos el uno con el otro y np le gusta vestirse con poca ropa (mini falda, enseña el estómago y escotado) y decidieron salir en una cita en la plaza (parque) mi madre me dijo que si quería ir para estirar las piernas, yo acepte ya que jugaba mucho Pokémon go y aún lo hago igual que mi primo. Iniciemos:
AD: hola preciosa, a qué hora habren esas piernas
(Al grano, maldito pervertido)
Np: disculpa, tengo novio y no soy prostituta
Primo: (molesto porque el amaba mucho a su novia y no tolerará comentarios así) a ver tu, eres muy pequeño para hacer comentarios asi, y no le puedes hablar así a una mujer.
Np: si, aparte no saldría contigo, no eres muy lindo que digamos
AD: MALDITOS bastardos, estoy en mi derecho de decir lo que quiera y le hablaré como me de la gana a esta chica, si no le gusta que le digan cosas bonitas que no se vista de forma provocativa.
Np: me visto así para mí novio y no morbosos como tú, pervertido.
AD sale corriendo y pensamos que es el final, pero si no el título no tiene sentido xd
Md: que le hicieron a mi bebé ( adolecente bebé???).
Primo: señora, su hijo le dijo algo muy desu.....
As: le pregunté si quería salir con migo y me dijo que no por pobre, vagabundo y me pegaron.
Yo pensando, oh, ya se que pasara, aunque me lo ví venir cuando se fue llorando AD
Np: eso no fue lo que pasó, su hijo insinuó que era prostituta y me dijo algo muy morboso (pervertido o asqueroso)
Primo: si y aparte mi novia nunca insulto a su bebé.
Md: se que mienten, mi hijo nunca diría algo así, el es puro y va a la iglesia.
AD: si, yo ni en sueños soy capas de pensar en una mujer sin ropa
Md: y tu, que te vistes como zorra, que solo puede ganar dinero prostituyendo se.
Np: a ver vieja puta, yo elijo que me coloco y su hijo es un pervertido.
Primo: estoy harto de su comportamiento, usted e....
Md: suficiente, llamaré a la policía si no accedes a tener relaciones sexuales con mi hijo
AD nalguea a np y va a tocarle los pechos
Mi primo le da una patada en la cara que lo deja sangrando enseguida, EPICO
MD: es todo, llamaré a la policia, llama y yo tengo la iniciativa de llamar a mis padres diciendo, no se preocupen si llegamos tarde les explicaré si puedo
Policía llega y lo llamaremos P.
P: que está sucediendo aqui
Md: gracias a dios que llegó, este hombre le pegó a mi hijo, tiene cautiva a su novia y le robó el celular
AD: si oficial arrestelo
El policía saca su arma y le apunta a mi primo
Np: señor oficial, están mintiendo, el se mi novio y ad me está haciendo comentarios morbosos por mi cuerpo.
Ad y md: están mintiendo
P: señora, la chica está diciendo que es su novio y..
Md: la amenazo con decir su lugar de trabajo ya que es prostituta.
Np: pare de decir que soy prostituta, soy una mesera y usted es la vieja puta que dice que es santa y va a la iglesia y quería que su hijo de 16 años tenga sexo con migo.
El policía queda impactado al escuchar esto y arresta a Karen y a su hijo de inmediato.
Karen pasará 8 años en prisión, al parecer nuestro caso fue el segundo en que explotó la bomba ( la gota que derramó el vaso.
Mi primo nos compro un helado por las molestias y al policía, que lo tomo muy bien y se llevó a md y ad
Ad, se va a un reformatorio y cuando cumpla 18 2 años y medio de cárcel porque había tenido un cargo de violación hace menos de una semana, y ganaron por falta de pruebas, esto comprueba ya que sería su segundo cargo por acoso y se notaba que era un completo pervertido.
Yo disfruté mi helado y mi historia de reddit.
P.D: se me olvidó colocar que yo grabe todo porque ya sabía que pasaria
submitted by hectoryto to padresconderecho [link] [comments]


2020.09.13 06:29 Kuzben Necesito donde depositar esto y que se pierda

Pues, es complicado, el LSD te hace ver muchas cosas, en específico las que estás más dentro de cada persona. Es el clásico ejemplo del iceberg, dónde realmente sólo sacamos una parte de nuestros verdadero ser, guardamos muchísimas cosas, opiniones, pensamientos, gustos, etc y todo por ahorrarnos pasar muchos malos ratos. He estado fumando hierba por un buen rato, 3 años para ser exactos, la probé a los 15 o 16 tal vez, pero no me atrapó, lo que sí captó toda mi atención, dinero y tiempo fue el cristal. Desde los 15 que le atoraba a unas buenas rayas, como cualquier morro meco en prepa que quiere sentirse grande, hacer cosas ilegales, sentirse superior porque "Me drogaba en los banos de la prepa" pero salía con el pecho en alto y listo para atender las clases, porque sí, lo usaba "con fines académicos" al principio (esa fue mi excusa) porque me concentraba y me hacía dar el 200%, esa madre te provocaba un sentimiento de empoderamiento muy duro. Pude detectar a tiempo lo que esa porquería estaba haciéndome, pues llegó un punto donde lo usaba para todo, en fiestas donde estaba mi familia, con amigos, en escuelas, el examen de ingreso a la Universidad lo hice estando hasta el tope de drogas. Recuerdo que fui a inhalar dos líneas bien grandes gordas antes de hacerlo (por suerte pude ingresar). Pero demonios amigo, desde los 15 y hasta mis actuales 21 he estado involucrado en drogas. Creo que la hierba me sacó del hoyo del cristal, pero seamos honestos, siempre habrá malos resultados cuando se es un mal usuario de las drogas. Al menos en mi persona ya tomó mucho control, ya he perdido empleos por preferir estar de flojonazo fumandome un porro, comiendo frituras y viendo series o películas estúpidas que sólo funcionan como un escape para no ver mi realidad, ya he perdido relaciones y contactos con amigos por preferir sentirme bien con mis sustancias, ya he contraído una deuda con mi universidad por malgastar el dinero de mis estudios en drogas y fiestas... Ya he pasado por dmt, coca, mdma, inhalantes, pastillas y dios en este momento estoy bajo efectos de un ácido y ya no quiero más. Siento que he contraído a las drogas como una parte de mi personalidad, pero sé que puedo salir de esto, no quiero quedarme atascado como los demás, ya he visto a personas muy degeneradas por el exceso, no quiero ser como ellas, quiero cumplir mis sueños, quiero llenar este vacío con esas sensaciones que sientes cuando estás con tus colegas disfrutando de un buen rato, cuando tocas la mano de tu pareja y ves que hay alguien contigo para apoyarte... He mentido a mi familia e incluso les he robado... A mis padres, a mi abuelita, a mis primos... He sido una aberración. Quiero que este sea mi último trip, necesitaba una perspectiva diferente para ver realmente todo lo que he sido y lo que soy para apuntar a quien quiero ser.
Hey extraño usuario que llegó al mero final: sólo quiero decirte que te quiero y todo va a estar bien. Probablemente necesites escuchar algo así, uno nunca sabe. A mí me gustaría escucharlo más a menudo...
submitted by Kuzben to espanol [link] [comments]


2020.09.11 14:32 TheGamerone05 chiedo consiglio

ciao mi diletto a scrivere e sto provando a scrivere qualcosina potreste per favore darmi un parere grazie, naturalmente qualsiasi consiglio, scena consigliata o altro ce uso sarà citata nei ringraziamenti.
i link sono canzoni che consiglio per leggere le varie scene
Escape to the infoworld
Capitolo 0: Il risveglio
Musica consigliata: https://www.youtube.com/watch?v=HuINhsEizk8
“C
-Cosa è s-successo dov-dove s-sono io mi ricordo solo un cd e poi tutto bianco io poi, io… un attimo chi sono io?” dissi poco prima che comparve lui: “Ciao TheGamer, io sono Tutoriolo ma gli amici mi chiamano Tuty, io ti spiegherò le basi dell’infoworld!”. “Un attimo, stai andando troppo veloce: dove siamo? chi sono? Perché mi trovo qui? E perché non sei un umano ma una graffetta volante?” dissi più confuso di prima, ma comunque lui era preparato e rispose tutto d’un colpo:” siamo in un videogioco, sei TheGamer, o almeno qui lo sei, ti trovi qui perché sei stato scelto per salvare questo mondo assieme al resto della squadra e sono una graffetta perché sono il personaggio del videogioco che ti spiegherà tutto, infatti mi chiamo Tutoriolo!” dopo quelle parole mi resi conto che non ero nel mondo reale!
Capitolo 1: il tutorial
M
i trovavo in una stanza costruita in un materiale alquanto strano era blu ed emetteva una strana luce; attaccato al soffitto c’era una scritta gigante che diceva:” TUTORIAL, davanti a me c’erano delle piattaforme di quello strano materiale sospese sulla lava, ma alcune erano leggermente crepate poi allungai lo sguardo e vidi dei mostri, più precisamente degli zombi fatti di paglia con sopra scritto:” lv.-100 hp 0,oooo1” sotto le scritte c’era una barra verde infine oltre al mostro vidi anche una porta chiusa affiancata da uno scrigno, infine mi girai e vidi un cartello con scritto:” comandi base: salto= fai un piccolo balzo per raggiungere posti elevati o distanti; scatto= consumi un Ps a secondo ma vai leggermente più veloce ideale per fughe tattiche; attacca= sfodera la tua arma e usala contro un nemico per infliggergli dei danni; attacco caricato= utilizzi alcuni Ps per infiggere maggiori danni.” “Ok ora passiamo alla pratica: salta su quelle piattaforme ma sappi che quelle leggermente crepate dopo un po’ crolleranno ma stai tranquillo se finisci nella lava ricomparirai qui!” all’ora mi buttai dato che se fossi morto sarei, come in ogni videogioco, respawnato quindi saltai e risaltai arrivai dall’altro lato giusto in tempo per vedere le piattaforme crollare nella lava e ricomparire in una nuvola di fumo dove erano prima!
Poi avanzai fino allo zombi di paglia e quindi provai a prenderlo a pugni dato che non avevo un’arma ma… non avevano effetto!!! Quindi arrivò Tuty che mi disse:” Immagina di avere la tua arma sulla schiena e afferrala!” allora ci provai e… mi si materializzò una spada di legno nella mano, quindi la mollai e riscomparì, ovviamente poi pensai vogli tantisimissimissimi soldi ma non funzionò poi Tut, che mi sembra un nome migliore di “Tuty” infatti d’ora in poi lo chiamerò così, riprese:” È così che puoi prendere gli oggetti che hai nell’inventario, se vuoi “fammi vedere cos’ho”.” Quindi la spiegazione sull’inventario, sapere gli oggetti che hai in questo momento puoi vederli pensando e i miei desideri di diventare ricco facilmente, finirono per far iniziare quella sul combattimento:” La vedi la barra sopra il mostro quelli sono i suoi HP cioè Healt Point ovvero i suoi punti vita, quest’ultimi sono elencati in cifra sopra la barra, di fianco ad essi è segnato il livello del mostro cioè la sua potenza quindi cerca di combattere sempre mostri con un livello inferiore o uguale al tuo, potrai vedere il tuo livello e le altre statistiche varie nel menù statistiche, lo puoi vedere pensando “statistiche”, lì puoi trovare tutte le tue caratteristiche numeriche.”. Quindi ci pensai e scoprii di essere orribilmente debole, beh in effetti ho appena iniziato, avevo: HP 10; velocità ricarica HP 1HPm; PS, ovvero Punti Scatto, 5; velocità ricarica PS 1PS m; velocità di movimento 1Ms; possibilità fuga perfetta 1%; possibilità schivata ottima 10%; possibilità di schivata perfetta1%; teletrasporto casuale entro 10 cm; LV complessivo 1. Anche se speravo meglio sono uno che si accontenta di poco.
Tut riprese:” Se riprendi la tua spada vedrai che sopra avrà delle statistiche: i PD sono i Punti Durata ovvero gli utilizzi che avrai di un oggetto prima che si rompa o semplicemente diventi inutilizzabile, potrai capire se si sta’ per rompere anche perché con il tempo si formeranno delle crepe su di essa; poi avrai i PA cioè i Punti Attacco che sono semplicemente i danni che fai con quell’oggetto, al di sotto di quest’ultimi trovi il livello dell’oggetto, il livello minimo da possedere per poterlo usare e una condizione da soddisfare sempre per poterlo utilizzare, di fianco trovi la rarità che può essere: comune, non comune, raro, epico, mitico e leggendario, queste ultime due rarità sono presenti solo delle armi della leggenda che possono essere impugnate solo dagli eroi prescelti e infine una breve descrizione dell’oggetto!” “Un’attimo cos’è questa leggenda? Me la puoi raccontare?” chiesi io impaziente, ma la risposta fu assai deludente:” Tutto a tempo debito ragazzo, ora combatti contro quel manichino e mostrami quale arma usi meglio!” provai: un bastone magico (utilizzato dai veggenti, dagli alchimisti e dagli stregoni, una spada(arma leggera usata dai soldati), una chitarra (usata dai cantastorie, quest’arma lancia melodie magiche capaci di curare i compagni, danneggiare i nemici e dare a tutti quelli che la sentono effetti particolari), un arco ( usato dalle retrovie degli eserciti), un martello ( arma pesante usata dai fabbri) ed un’ascia ( arma pesante usata dai boscaioli). Devo dire che con la spada mi trovo molto bene ma anche con il bastone magico, credo che lancerò incantesimi contro dei manichini come hobby!
Infine andai alla porta e provai ad aprirla ma era chiusa a chiave:” E qui comincia l’ultima parte del tutorial le porte e le chiavi: spesso per uscire dai dungeon ti serviranno delle chiavi diverse a seconda dello specifico luogo, principalmente si dividono in tre categorie: quelle piccole che ti servono per aprire una qualsia porta chiusa, quelle grandi che solitamente portano a sale importanti ma non possono essere messe nell’inventario o posate e pesano davvero molto e infine quelle rotte che per essere usate andranno riassemblate con tutti i loro pezzi perciò se non riesci a proseguire torna indietro e ricontrolla di non aver mancato nessuno scrigno!” finito di parlare Tut scomparve in una nuvola di fumo e al suo posto comparve un bigliettino con scritto:” Se ti serve aiuto urla il mio nome e io arriverò!” infine aprii la cassa, presi la chiave ed uscì dal tutorial: ora tutto dipendeva solo da me o almeno per adesso…
Capitolo 2: Piazza Menù
a
rrivai in un luogo che non mi ricordavo ma sapevo nei meandri della mia testa di averlo già visto: quella fontana circolare con al suo interno una statua d’oro massiccio che rappresentava quattro armi più precisamente quelle statemi fatte provare ma la loro forma era diversa sembravano come… ologrammi fatti di pixel molto grandi che lasciano dietro una scia dato che erano fatte per far sembrare che stessero roteando, ma poi notai in cima una specie di insieme di tutte quelle sotto ma al posto di essere d’oro era di un materiale scuro come la notte, anzi, probabilmente molto di più!
Sul bordo della fontana c’era una targhetta con scritto:” Le armi leggendarie contro l’arma del Lord che non ci ha ancora raggiunto” non sapevo cosa significasse ma sapevo che era qualcosa di importante.
Continuai a girare per un po' e vidi molti negozi che vendevano cose utili come armature o armi o anche cibi e pozioni e altri che invece li compravano, vidi anche de/i giochi qua e là ma non avevo soldi!
Ad un certo punto comparve, ma proprio non è arrivato/a si è proprio materializzato/a davanti a me, una persona strana vestita del tutto di nero: indossava pantaloni di tuta neri, coperti da una tunica con cappuccio nera aveva anche dei guanti ed un passamontagna che le coprivano ogni minimo millimetro di pelle ovviamente neri, l’unica parte del suo corpo che si vedeva erano i sui occhi rossi, mi disse:” Seguimi se vuoi vivere!” io inizialmente ero contrariato ma poi scorsi il manico di un’arma sotto la sua tunica e capii che era qualcuno che faceva sul serio!
Capitolo 3: il covo e la squadra
m
i portò in qualche vicolo per evitare le strade affollate e dopo qualche sottopassaggio, dopo aver controllato che non arrivasse nessuno premette su alcuni mattoni del muro quindi si apri un piccolo passaggio su esso dove si poteva scorgere una porta blindata in lontananza, entrammo e richiudemmo il passaggio, raggiungemmo la porta che IL TIPO/A bussò ritmicamente, mi sembra che il rimo giusto sia toctoctoc, toc… toc quindi infine si apri un’ultima finestrella dove una voce metallica, probabilmente modificata ci chiese:” PAroLA d’ORdinE?” “l’avatar è stato resettato!” rispose lui quindi, finalmente si apri quest’ultima porta mostrando… un salottino!?! Cioè, scusatemi, tutto questo per entrare in un salottino!? “Basta, me ne vado! Qui sono tutti pazzi!” pensai prima che Persona incappucciata disse:” Sai Gamer questo posto ha delle regole, una delle più importanti è le apparenze ingannano! Ah!” poi tirò fuori dalla tasca un piccolo telecomando con un interruttore che al momento era su:” on” e lo spostò su:” off” e la stanza iniziò a scomparire come se sul computer quando chiudessi un app non la chiudesse tutta insieme ma un poco alla volta come se la stanza fosse… un ologramma, ma la stanza ERA un ologramma! Al posto dei divanetti comparirono delle sedie d’ufficio, al posto dei muri intonacati minuziosamente delle placche di metallo ricoperte di monitor al posto del tavolino una stranissima piattaforma alquanto tecnologica e appesi sulle pareti una serie di poster con varie scritte tra cui: UNITEVI ALLA RIBELLIONE; NON FATEVI SOTTOMETTERE SENZA NEANCHE COMBATTERE; SE SAREMO UNITI BATTEREMO IL LORD; CHI NON È CON NOI È CON LUI!
Poi lui si tolse il cappuccio e vidi finalmente il suo viso: era un ragazzo dai capelli rossi con gli occhi rossi, no scusatemi aveva una parrucca e delle lenti a contatto per cambiare il colore degli occhi, in realtà ha i capelli biondi e gli occhi azzurri e mi disse:” Scusa per tutto ma la sicurezza non è mai troppa se vedi muri scrostati è che abbiamo finito il budget per l’apparecchiatura. Oh, è vero, non mi sono ancora presentato! Io sono Wordy-Game ma puoi chiamarmi anche Wordy! Poi ti presento anche Albominio, Filipter7193, Champion2000 e Gliterfire67 loro sono il resto della squadra e in questo momento sono in missione per indagare su un bug di Google sotto commissione dato che, come ti ho già detto abbiamo finito i fondi!” pochi secondi dopo la piattaforma si illuminò ed emise uno strano raggio bianco abbagliante verso l’alto, poi si materializzarono gli altri sulla piattaforma. Uno di loro disse senza accorgersi di me a Wordy:” Scusa per il ritardo, cosa è succ…” appena mi vide si blocco paralizzato!
Capitolo 4: le presentazioni.
l
oro mi fissarono per un po’ poi guardarono un monitor e tronarono a fissarmi infine lo stesso cambiando tono chiese a Wordy:” È lui?” e Wordy annui. Quindi sorrise e fece un segnale ad un altro che presentò tutto il gruppo: ce n’era uno alto con i capelli neri e gli occhi marroni- verdini, si chiamava Filipter7193, lui era il leader o almeno lo sarebbe stato ancora per poco ma non capii perché, la sua arma era un’ascia; poi c’era Wordy che usava il bastone magico e si occupava delle ricerche informatiche; ce n’era uno alto almeno il doppio di Filipter sempre con i capelli neri e gli occhi marroni, lui era Champio2000, si occupava solitamente lui delle spedizioni in paese dato che si era creato una falsa identità da molto tempo e quindi era il più conosciuto, la sua arma era il martello, quello che me li stava presentando si chiamava Albominio ed era il canta storie, la sua arma è una chitarra ed infine l’unica ragazza del gruppo Glitterfire67 aveva i capelli marroni e gli occhi dello stesso colore, la sua arma era l’arco.
Capitolo 5: la leggenda
Musica di accompagnamento consigliata: https://www.youtube.com/watch?v=ioiyFxRxIBc
P
oi Albo accennò due note con la chitarra e iniziò a suonarla quindi tutto intorno a noi cambiò, mutò da una stanza tecnologica ad un villaggeto piccolo e angusto ma c’era qualcosa di familiare… e poi la vidi, la statua che c’era al centro di Piazza Menù era la stessa. “Un tempo questo mondo era disabitato ma ogni tanto compariva qualcuno di senza memorie del suo passato e convinto che quello fosse il suo mondo viveva una vita normale evolvendolo e facendo scoperte nuove finché, qualche anno addietro, arrivò qualcuno senza perdere la memoria e sapendo tutto fece sprofondare il mondo nel caos più totale poiché diede l’annuncio che tutto questo era falso! Tenne purtroppo qualcosa per sé, si ricordava il gioco e la storia quindi sapeva tutto prima che sarebbe successo con questo potere, creò il suo esercito e conquisto il mondo usando un potere soprannaturale che solo lui possiede grazie ai suoi ricordi… le hack! Ma un giorno quando codesto posto era ormai una città fiorente la gente di questo luogo costruì una barriera protettiva alimentata con un minerale molto raro ma potente, infatti bastano pochi grammi per alimentare la barriera per un paio di anni. Nel frattempo un NPC di classe veggente al livello massimo vide che un giorno nel lontano futuro sarebbero arrivati dei combattenti che lui non poteva governare a liberare il mondo, sarebbero arrivati come persone normali, ma avrebbero eseguito un tutorial prima di svegliarsi che li avrebbe già istruiti su questo mondo, solo loro avrebbero potuto combattere il signore oscuro che domina le terre , solo loro avrebbero potuto impugnare la armi Mitiche e Leggendarie, ognuno di loro avrebbe dovuto emanare un’aurea mistica potente quanto il loro vero potenziale e avrebbero avuto più di una vita, ne sarebbe arrivato uno ad uno ogni anno finché non sarebbero stati abbastanza.
Pochi anni dopo la citta fu invasa e resa sotto il suo dominio ma c’era ancora una speranza, il veggente si nascose e creò questo posto allenandosi di nascosto e riuscendo a recuperare le armi sacre finché non iniziammo ad arrivare, a quel punto ci allenò uno ad uno insegnandoci le tecniche migliori e mandandoci in missioni per fermare la corruzione in questo mondo, purtroppo poco tempo prima che arrivò il leader si ammalò quindi insegnò tutto al primo arrivato e gli fece giurare che lo avrebbe allenato a qualunque costo dato che era lui la chiave per eliminare la corruzione di questo mondo e poco dopo venne a mancare e infine oggi sei arrivato tu, il vero leader!”
Capitolo 6: l’allenamento
Musica consigliata: https://www.youtube.com/watch?v=g2DlWIvfChs
q
uindi ora sapevo tutto: perché ero lì, cos’era quel luogo, sapevo ciò che dovevo fare!
“L’allenamento inizia ora!” disse Filip “Okay, sono pronto a tutto per dispensare giustizia!” risposi io.
Prima di tutto dovrai imparare a incassare i colpi e a resistere a temperature estreme: rimarrai chiuso per 12 ore a meno 50°C e 12 ore a 50°C mentre noi ti attaccheremo, ci fermeremo solo a tempo scaduto ma prima dovrai salvare così ogni volta che morirai tornerai qui e ripeterai l’allenamento e tutto si ripeterà, ma noi tutte le volte cambieremo attacchi così non potrai memorizzarli, dopotutto non ho mai detto che sarebbe stato facile, no?”.
Quindi iniziai estrai nella stanza ghiacciata, loro si disposero a cerchio intorno a me. Sentii un: tre, due, uno loro partirono scomparendo dalla mia vista, sentii una musichetta sinistra e di colpo non potei più muovermi, da lì in poi senti solo una fitta allo stomaco che iniziò a bruciare poi nero totale per qualche secondo e poi tornai indietro di qualche secondo poco prima del countdown e tutto riiniziò, morte dopo morte, ferita dopo ferità, goccia di sangue dopo goccia di sangue.
Ma dopo centinaia e centinai di tentativi ci riuscii, ero appena riuscito a resistere a quell’allenamento, ero così soddisfatto ma Fil distrusse quell’idea che avevo di esserci riuscito con una semplice frase:” Bene ce la fai al freddo se ci andiamo piano, ora vediamo al caldo se facciamo sul serio. Ah, mi stavo dimenticando non puoi salvare ora e la difficoltà aggiunta ce l’avrai anche al freddo, sono curioso di vedere se sopravvivi! Ah, ah!” quindi tutto riiniziò di nuovo ma più complesso, prima li vedevo, percepivo i loro movimenti, ora se ero fortunato sentivo l’aria muoversi prima dii morire. Così tutto riiniziò ancora e ancora e ancora.
Ma come si suol dire:” c’è sempre una prima volta e ed ebbi anche io la mia prima volta nel superare l’allenamento! “Per oggi può bastare così, se vuoi andare a riposare di lì a destra c’è un corridoio la camera in fondo è libera puoi usarla tu, se invece vuoi fare uno spuntino a sinistra c’è la cucina e se vuoi andare in salotto riattiva l’ologramma, siamo riusciti a renderlo tattile quindi funziona. Ah, me ne stavo dimenticando ecco il tuo telecomando per disattivarlo e attivarlo, ma mi raccomando non attivarlo mentre qualcuno è in missione e non potrà tornare indietro in camera tua troverai anche il tuo dispositivo di comunicazione e una cartelletta con le informazioni sulla tua falsa identità che dovrai usare in superfice, ah domani ti facciamo fare un giro furi cosi conosci un po' di gente!
Capitolo 7: andiamo a fare shopping
q
uando mi svegliai trovai gli altri a discutere su qualcosa, quindi, come avrebbe fatto chiunque altro, mi sono nascosto ad origliare, ma stavano discutendo da un po’ perciò non capii tutto, come, ad esempio, di cosa stavano parlando, ma qualcosa sentii, mi sembra che tutti stavano dicendo a Fil che ci stava andando troppo pesante, ma lui si difendeva dicendo che doveva essere pronto a tutto il prima possibile, ma poi qualcuno disse qualcosa e si risolse tutto in una bolla di sapone.
Finito tutto sono potuto entrare e fare colazione e mi ricordai che oggi sarei dovuto andare in superfice a far conoscere “il falso me” e iniziare a conoscere quel luogo quindi mi vestii e passai un’oretta a esercitarmi in quel ruolo imparando tutto le abitudini e i modi di fare di quel personaggio nella speranza che un giorno non ne arrivi uno davvero così quindi insieme al resto del gruppo mi diressi all’uscita che portava nell’appartamento di mr. Johnson, il rinomato scrittore(per chi non lo avessi avesse capito è la mia seconda identità!).
La squadra mi fece visitare i negozi migliori, insegnato a contrattare e a distinguere la merce di qualità da quella falsa quindi mi hanno dato un po’ di soldi e mi hanno lasciato.
Visitai i negozi di armi e di armature e ne presi un po’ di livello leggermente più alto del mio così dopo il primo livello che avrei affrontato le avrei potuto usare tutte e con questi scambi che mi hanno fatto risparmiare il non doverli ricomprare dopo poco ho ottenuto l’achievement:” risparmi per il futuro” e mi ha fatto salire di un livello e mezzo la fama ora sono un:” risparmiatore alle prime armi”.
Comunque per oggi sono soddisfatto, prendo qualcosa per il bunker e rientro, comunque credo di essere pronto per la mia prima missione!
Capitolo 8: la demo
a
ppena arrivai al bunker trovai gli altri a discutere, come al solito, quindi gli dissi:” Sento di essere pronto, posso affrontare la mia prima missione!” ci furono una pausa di nella quale si accesero gli occhi di qualcuno e si spensero quelli di qualcun altro ma scoprii di essere un accendino che è in movimento continuo vicino ad una bomba di discussioni:” Ma non puoi non sei pronto!” diceva Gliterfire “Si che può, è anche troppo tardi deve imparare e fare tutto il prima possibile e poi tanto se muore rinasce!” insisteva Filipter, si urlavano addosso finchè dalla bocca di Wordy usci la risposta a tutti i problemi:” Proviamo a fargli fare la demo, se ci riesce lo mandiamo altrimenti lo facciamo allenare ancora, non è semplice?”
submitted by TheGamerone05 to 08_e_09_Diversi [link] [comments]


2020.09.11 14:31 TheGamerone05 so che non c'entra con gabby ma chiedo consigli

ciao mi diletto a scrivere e sto provando a scrivere qualcosina potreste per favore darmi un parere grazie, naturalmente qualsiasi consiglio, scena consigliata o altro ce uso sarà citata nei ringraziamenti.
i link sono canzoni che consiglio per leggere le varie scene
Escape to the infoworld
Capitolo 0: Il risveglio
Musica consigliata: https://www.youtube.com/watch?v=HuINhsEizk8
“C
-Cosa è s-successo dov-dove s-sono io mi ricordo solo un cd e poi tutto bianco io poi, io… un attimo chi sono io?” dissi poco prima che comparve lui: “Ciao TheGamer, io sono Tutoriolo ma gli amici mi chiamano Tuty, io ti spiegherò le basi dell’infoworld!”. “Un attimo, stai andando troppo veloce: dove siamo? chi sono? Perché mi trovo qui? E perché non sei un umano ma una graffetta volante?” dissi più confuso di prima, ma comunque lui era preparato e rispose tutto d’un colpo:” siamo in un videogioco, sei TheGamer, o almeno qui lo sei, ti trovi qui perché sei stato scelto per salvare questo mondo assieme al resto della squadra e sono una graffetta perché sono il personaggio del videogioco che ti spiegherà tutto, infatti mi chiamo Tutoriolo!” dopo quelle parole mi resi conto che non ero nel mondo reale!
Capitolo 1: il tutorial
M
i trovavo in una stanza costruita in un materiale alquanto strano era blu ed emetteva una strana luce; attaccato al soffitto c’era una scritta gigante che diceva:” TUTORIAL, davanti a me c’erano delle piattaforme di quello strano materiale sospese sulla lava, ma alcune erano leggermente crepate poi allungai lo sguardo e vidi dei mostri, più precisamente degli zombi fatti di paglia con sopra scritto:” lv.-100 hp 0,oooo1” sotto le scritte c’era una barra verde infine oltre al mostro vidi anche una porta chiusa affiancata da uno scrigno, infine mi girai e vidi un cartello con scritto:” comandi base: salto= fai un piccolo balzo per raggiungere posti elevati o distanti; scatto= consumi un Ps a secondo ma vai leggermente più veloce ideale per fughe tattiche; attacca= sfodera la tua arma e usala contro un nemico per infliggergli dei danni; attacco caricato= utilizzi alcuni Ps per infiggere maggiori danni.” “Ok ora passiamo alla pratica: salta su quelle piattaforme ma sappi che quelle leggermente crepate dopo un po’ crolleranno ma stai tranquillo se finisci nella lava ricomparirai qui!” all’ora mi buttai dato che se fossi morto sarei, come in ogni videogioco, respawnato quindi saltai e risaltai arrivai dall’altro lato giusto in tempo per vedere le piattaforme crollare nella lava e ricomparire in una nuvola di fumo dove erano prima!
Poi avanzai fino allo zombi di paglia e quindi provai a prenderlo a pugni dato che non avevo un’arma ma… non avevano effetto!!! Quindi arrivò Tuty che mi disse:” Immagina di avere la tua arma sulla schiena e afferrala!” allora ci provai e… mi si materializzò una spada di legno nella mano, quindi la mollai e riscomparì, ovviamente poi pensai vogli tantisimissimissimi soldi ma non funzionò poi Tut, che mi sembra un nome migliore di “Tuty” infatti d’ora in poi lo chiamerò così, riprese:” È così che puoi prendere gli oggetti che hai nell’inventario, se vuoi “fammi vedere cos’ho”.” Quindi la spiegazione sull’inventario, sapere gli oggetti che hai in questo momento puoi vederli pensando e i miei desideri di diventare ricco facilmente, finirono per far iniziare quella sul combattimento:” La vedi la barra sopra il mostro quelli sono i suoi HP cioè Healt Point ovvero i suoi punti vita, quest’ultimi sono elencati in cifra sopra la barra, di fianco ad essi è segnato il livello del mostro cioè la sua potenza quindi cerca di combattere sempre mostri con un livello inferiore o uguale al tuo, potrai vedere il tuo livello e le altre statistiche varie nel menù statistiche, lo puoi vedere pensando “statistiche”, lì puoi trovare tutte le tue caratteristiche numeriche.”. Quindi ci pensai e scoprii di essere orribilmente debole, beh in effetti ho appena iniziato, avevo: HP 10; velocità ricarica HP 1HPm; PS, ovvero Punti Scatto, 5; velocità ricarica PS 1PS m; velocità di movimento 1Ms; possibilità fuga perfetta 1%; possibilità schivata ottima 10%; possibilità di schivata perfetta1%; teletrasporto casuale entro 10 cm; LV complessivo 1. Anche se speravo meglio sono uno che si accontenta di poco.
Tut riprese:” Se riprendi la tua spada vedrai che sopra avrà delle statistiche: i PD sono i Punti Durata ovvero gli utilizzi che avrai di un oggetto prima che si rompa o semplicemente diventi inutilizzabile, potrai capire se si sta’ per rompere anche perché con il tempo si formeranno delle crepe su di essa; poi avrai i PA cioè i Punti Attacco che sono semplicemente i danni che fai con quell’oggetto, al di sotto di quest’ultimi trovi il livello dell’oggetto, il livello minimo da possedere per poterlo usare e una condizione da soddisfare sempre per poterlo utilizzare, di fianco trovi la rarità che può essere: comune, non comune, raro, epico, mitico e leggendario, queste ultime due rarità sono presenti solo delle armi della leggenda che possono essere impugnate solo dagli eroi prescelti e infine una breve descrizione dell’oggetto!” “Un’attimo cos’è questa leggenda? Me la puoi raccontare?” chiesi io impaziente, ma la risposta fu assai deludente:” Tutto a tempo debito ragazzo, ora combatti contro quel manichino e mostrami quale arma usi meglio!” provai: un bastone magico (utilizzato dai veggenti, dagli alchimisti e dagli stregoni, una spada(arma leggera usata dai soldati), una chitarra (usata dai cantastorie, quest’arma lancia melodie magiche capaci di curare i compagni, danneggiare i nemici e dare a tutti quelli che la sentono effetti particolari), un arco ( usato dalle retrovie degli eserciti), un martello ( arma pesante usata dai fabbri) ed un’ascia ( arma pesante usata dai boscaioli). Devo dire che con la spada mi trovo molto bene ma anche con il bastone magico, credo che lancerò incantesimi contro dei manichini come hobby!
Infine andai alla porta e provai ad aprirla ma era chiusa a chiave:” E qui comincia l’ultima parte del tutorial le porte e le chiavi: spesso per uscire dai dungeon ti serviranno delle chiavi diverse a seconda dello specifico luogo, principalmente si dividono in tre categorie: quelle piccole che ti servono per aprire una qualsia porta chiusa, quelle grandi che solitamente portano a sale importanti ma non possono essere messe nell’inventario o posate e pesano davvero molto e infine quelle rotte che per essere usate andranno riassemblate con tutti i loro pezzi perciò se non riesci a proseguire torna indietro e ricontrolla di non aver mancato nessuno scrigno!” finito di parlare Tut scomparve in una nuvola di fumo e al suo posto comparve un bigliettino con scritto:” Se ti serve aiuto urla il mio nome e io arriverò!” infine aprii la cassa, presi la chiave ed uscì dal tutorial: ora tutto dipendeva solo da me o almeno per adesso…
Capitolo 2: Piazza Menù
a
rrivai in un luogo che non mi ricordavo ma sapevo nei meandri della mia testa di averlo già visto: quella fontana circolare con al suo interno una statua d’oro massiccio che rappresentava quattro armi più precisamente quelle statemi fatte provare ma la loro forma era diversa sembravano come… ologrammi fatti di pixel molto grandi che lasciano dietro una scia dato che erano fatte per far sembrare che stessero roteando, ma poi notai in cima una specie di insieme di tutte quelle sotto ma al posto di essere d’oro era di un materiale scuro come la notte, anzi, probabilmente molto di più!
Sul bordo della fontana c’era una targhetta con scritto:” Le armi leggendarie contro l’arma del Lord che non ci ha ancora raggiunto” non sapevo cosa significasse ma sapevo che era qualcosa di importante.
Continuai a girare per un po' e vidi molti negozi che vendevano cose utili come armature o armi o anche cibi e pozioni e altri che invece li compravano, vidi anche de/i giochi qua e là ma non avevo soldi!
Ad un certo punto comparve, ma proprio non è arrivato/a si è proprio materializzato/a davanti a me, una persona strana vestita del tutto di nero: indossava pantaloni di tuta neri, coperti da una tunica con cappuccio nera aveva anche dei guanti ed un passamontagna che le coprivano ogni minimo millimetro di pelle ovviamente neri, l’unica parte del suo corpo che si vedeva erano i sui occhi rossi, mi disse:” Seguimi se vuoi vivere!” io inizialmente ero contrariato ma poi scorsi il manico di un’arma sotto la sua tunica e capii che era qualcuno che faceva sul serio!
Capitolo 3: il covo e la squadra
m
i portò in qualche vicolo per evitare le strade affollate e dopo qualche sottopassaggio, dopo aver controllato che non arrivasse nessuno premette su alcuni mattoni del muro quindi si apri un piccolo passaggio su esso dove si poteva scorgere una porta blindata in lontananza, entrammo e richiudemmo il passaggio, raggiungemmo la porta che IL TIPO/A bussò ritmicamente, mi sembra che il rimo giusto sia toctoctoc, toc… toc quindi infine si apri un’ultima finestrella dove una voce metallica, probabilmente modificata ci chiese:” PAroLA d’ORdinE?” “l’avatar è stato resettato!” rispose lui quindi, finalmente si apri quest’ultima porta mostrando… un salottino!?! Cioè, scusatemi, tutto questo per entrare in un salottino!? “Basta, me ne vado! Qui sono tutti pazzi!” pensai prima che Persona incappucciata disse:” Sai Gamer questo posto ha delle regole, una delle più importanti è le apparenze ingannano! Ah!” poi tirò fuori dalla tasca un piccolo telecomando con un interruttore che al momento era su:” on” e lo spostò su:” off” e la stanza iniziò a scomparire come se sul computer quando chiudessi un app non la chiudesse tutta insieme ma un poco alla volta come se la stanza fosse… un ologramma, ma la stanza ERA un ologramma! Al posto dei divanetti comparirono delle sedie d’ufficio, al posto dei muri intonacati minuziosamente delle placche di metallo ricoperte di monitor al posto del tavolino una stranissima piattaforma alquanto tecnologica e appesi sulle pareti una serie di poster con varie scritte tra cui: UNITEVI ALLA RIBELLIONE; NON FATEVI SOTTOMETTERE SENZA NEANCHE COMBATTERE; SE SAREMO UNITI BATTEREMO IL LORD; CHI NON È CON NOI È CON LUI!
Poi lui si tolse il cappuccio e vidi finalmente il suo viso: era un ragazzo dai capelli rossi con gli occhi rossi, no scusatemi aveva una parrucca e delle lenti a contatto per cambiare il colore degli occhi, in realtà ha i capelli biondi e gli occhi azzurri e mi disse:” Scusa per tutto ma la sicurezza non è mai troppa se vedi muri scrostati è che abbiamo finito il budget per l’apparecchiatura. Oh, è vero, non mi sono ancora presentato! Io sono Wordy-Game ma puoi chiamarmi anche Wordy! Poi ti presento anche Albominio, Filipter7193, Champion2000 e Gliterfire67 loro sono il resto della squadra e in questo momento sono in missione per indagare su un bug di Google sotto commissione dato che, come ti ho già detto abbiamo finito i fondi!” pochi secondi dopo la piattaforma si illuminò ed emise uno strano raggio bianco abbagliante verso l’alto, poi si materializzarono gli altri sulla piattaforma. Uno di loro disse senza accorgersi di me a Wordy:” Scusa per il ritardo, cosa è succ…” appena mi vide si blocco paralizzato!
Capitolo 4: le presentazioni.
l
oro mi fissarono per un po’ poi guardarono un monitor e tronarono a fissarmi infine lo stesso cambiando tono chiese a Wordy:” È lui?” e Wordy annui. Quindi sorrise e fece un segnale ad un altro che presentò tutto il gruppo: ce n’era uno alto con i capelli neri e gli occhi marroni- verdini, si chiamava Filipter7193, lui era il leader o almeno lo sarebbe stato ancora per poco ma non capii perché, la sua arma era un’ascia; poi c’era Wordy che usava il bastone magico e si occupava delle ricerche informatiche; ce n’era uno alto almeno il doppio di Filipter sempre con i capelli neri e gli occhi marroni, lui era Champio2000, si occupava solitamente lui delle spedizioni in paese dato che si era creato una falsa identità da molto tempo e quindi era il più conosciuto, la sua arma era il martello, quello che me li stava presentando si chiamava Albominio ed era il canta storie, la sua arma è una chitarra ed infine l’unica ragazza del gruppo Glitterfire67 aveva i capelli marroni e gli occhi dello stesso colore, la sua arma era l’arco.
Capitolo 5: la leggenda
Musica di accompagnamento consigliata: https://www.youtube.com/watch?v=ioiyFxRxIBc
P
oi Albo accennò due note con la chitarra e iniziò a suonarla quindi tutto intorno a noi cambiò, mutò da una stanza tecnologica ad un villaggeto piccolo e angusto ma c’era qualcosa di familiare… e poi la vidi, la statua che c’era al centro di Piazza Menù era la stessa. “Un tempo questo mondo era disabitato ma ogni tanto compariva qualcuno di senza memorie del suo passato e convinto che quello fosse il suo mondo viveva una vita normale evolvendolo e facendo scoperte nuove finché, qualche anno addietro, arrivò qualcuno senza perdere la memoria e sapendo tutto fece sprofondare il mondo nel caos più totale poiché diede l’annuncio che tutto questo era falso! Tenne purtroppo qualcosa per sé, si ricordava il gioco e la storia quindi sapeva tutto prima che sarebbe successo con questo potere, creò il suo esercito e conquisto il mondo usando un potere soprannaturale che solo lui possiede grazie ai suoi ricordi… le hack! Ma un giorno quando codesto posto era ormai una città fiorente la gente di questo luogo costruì una barriera protettiva alimentata con un minerale molto raro ma potente, infatti bastano pochi grammi per alimentare la barriera per un paio di anni. Nel frattempo un NPC di classe veggente al livello massimo vide che un giorno nel lontano futuro sarebbero arrivati dei combattenti che lui non poteva governare a liberare il mondo, sarebbero arrivati come persone normali, ma avrebbero eseguito un tutorial prima di svegliarsi che li avrebbe già istruiti su questo mondo, solo loro avrebbero potuto combattere il signore oscuro che domina le terre , solo loro avrebbero potuto impugnare la armi Mitiche e Leggendarie, ognuno di loro avrebbe dovuto emanare un’aurea mistica potente quanto il loro vero potenziale e avrebbero avuto più di una vita, ne sarebbe arrivato uno ad uno ogni anno finché non sarebbero stati abbastanza.
Pochi anni dopo la citta fu invasa e resa sotto il suo dominio ma c’era ancora una speranza, il veggente si nascose e creò questo posto allenandosi di nascosto e riuscendo a recuperare le armi sacre finché non iniziammo ad arrivare, a quel punto ci allenò uno ad uno insegnandoci le tecniche migliori e mandandoci in missioni per fermare la corruzione in questo mondo, purtroppo poco tempo prima che arrivò il leader si ammalò quindi insegnò tutto al primo arrivato e gli fece giurare che lo avrebbe allenato a qualunque costo dato che era lui la chiave per eliminare la corruzione di questo mondo e poco dopo venne a mancare e infine oggi sei arrivato tu, il vero leader!”
Capitolo 6: l’allenamento
Musica consigliata: https://www.youtube.com/watch?v=g2DlWIvfChs
q
uindi ora sapevo tutto: perché ero lì, cos’era quel luogo, sapevo ciò che dovevo fare!
“L’allenamento inizia ora!” disse Filip “Okay, sono pronto a tutto per dispensare giustizia!” risposi io.
Prima di tutto dovrai imparare a incassare i colpi e a resistere a temperature estreme: rimarrai chiuso per 12 ore a meno 50°C e 12 ore a 50°C mentre noi ti attaccheremo, ci fermeremo solo a tempo scaduto ma prima dovrai salvare così ogni volta che morirai tornerai qui e ripeterai l’allenamento e tutto si ripeterà, ma noi tutte le volte cambieremo attacchi così non potrai memorizzarli, dopotutto non ho mai detto che sarebbe stato facile, no?”.
Quindi iniziai estrai nella stanza ghiacciata, loro si disposero a cerchio intorno a me. Sentii un: tre, due, uno loro partirono scomparendo dalla mia vista, sentii una musichetta sinistra e di colpo non potei più muovermi, da lì in poi senti solo una fitta allo stomaco che iniziò a bruciare poi nero totale per qualche secondo e poi tornai indietro di qualche secondo poco prima del countdown e tutto riiniziò, morte dopo morte, ferita dopo ferità, goccia di sangue dopo goccia di sangue.
Ma dopo centinaia e centinai di tentativi ci riuscii, ero appena riuscito a resistere a quell’allenamento, ero così soddisfatto ma Fil distrusse quell’idea che avevo di esserci riuscito con una semplice frase:” Bene ce la fai al freddo se ci andiamo piano, ora vediamo al caldo se facciamo sul serio. Ah, mi stavo dimenticando non puoi salvare ora e la difficoltà aggiunta ce l’avrai anche al freddo, sono curioso di vedere se sopravvivi! Ah, ah!” quindi tutto riiniziò di nuovo ma più complesso, prima li vedevo, percepivo i loro movimenti, ora se ero fortunato sentivo l’aria muoversi prima dii morire. Così tutto riiniziò ancora e ancora e ancora.
Ma come si suol dire:” c’è sempre una prima volta e ed ebbi anche io la mia prima volta nel superare l’allenamento! “Per oggi può bastare così, se vuoi andare a riposare di lì a destra c’è un corridoio la camera in fondo è libera puoi usarla tu, se invece vuoi fare uno spuntino a sinistra c’è la cucina e se vuoi andare in salotto riattiva l’ologramma, siamo riusciti a renderlo tattile quindi funziona. Ah, me ne stavo dimenticando ecco il tuo telecomando per disattivarlo e attivarlo, ma mi raccomando non attivarlo mentre qualcuno è in missione e non potrà tornare indietro in camera tua troverai anche il tuo dispositivo di comunicazione e una cartelletta con le informazioni sulla tua falsa identità che dovrai usare in superfice, ah domani ti facciamo fare un giro furi cosi conosci un po' di gente!
Capitolo 7: andiamo a fare shopping
q
uando mi svegliai trovai gli altri a discutere su qualcosa, quindi, come avrebbe fatto chiunque altro, mi sono nascosto ad origliare, ma stavano discutendo da un po’ perciò non capii tutto, come, ad esempio, di cosa stavano parlando, ma qualcosa sentii, mi sembra che tutti stavano dicendo a Fil che ci stava andando troppo pesante, ma lui si difendeva dicendo che doveva essere pronto a tutto il prima possibile, ma poi qualcuno disse qualcosa e si risolse tutto in una bolla di sapone.
Finito tutto sono potuto entrare e fare colazione e mi ricordai che oggi sarei dovuto andare in superfice a far conoscere “il falso me” e iniziare a conoscere quel luogo quindi mi vestii e passai un’oretta a esercitarmi in quel ruolo imparando tutto le abitudini e i modi di fare di quel personaggio nella speranza che un giorno non ne arrivi uno davvero così quindi insieme al resto del gruppo mi diressi all’uscita che portava nell’appartamento di mr. Johnson, il rinomato scrittore(per chi non lo avessi avesse capito è la mia seconda identità!).
La squadra mi fece visitare i negozi migliori, insegnato a contrattare e a distinguere la merce di qualità da quella falsa quindi mi hanno dato un po’ di soldi e mi hanno lasciato.
Visitai i negozi di armi e di armature e ne presi un po’ di livello leggermente più alto del mio così dopo il primo livello che avrei affrontato le avrei potuto usare tutte e con questi scambi che mi hanno fatto risparmiare il non doverli ricomprare dopo poco ho ottenuto l’achievement:” risparmi per il futuro” e mi ha fatto salire di un livello e mezzo la fama ora sono un:” risparmiatore alle prime armi”.
Comunque per oggi sono soddisfatto, prendo qualcosa per il bunker e rientro, comunque credo di essere pronto per la mia prima missione!
Capitolo 8: la demo
a
ppena arrivai al bunker trovai gli altri a discutere, come al solito, quindi gli dissi:” Sento di essere pronto, posso affrontare la mia prima missione!” ci furono una pausa di nella quale si accesero gli occhi di qualcuno e si spensero quelli di qualcun altro ma scoprii di essere un accendino che è in movimento continuo vicino ad una bomba di discussioni:” Ma non puoi non sei pronto!” diceva Gliterfire “Si che può, è anche troppo tardi deve imparare e fare tutto il prima possibile e poi tanto se muore rinasce!” insisteva Filipter, si urlavano addosso finchè dalla bocca di Wordy usci la risposta a tutti i problemi:” Proviamo a fargli fare la demo, se ci riesce lo mandiamo altrimenti lo facciamo allenare ancora, non è semplice?”
submitted by TheGamerone05 to Gabby16bitSubmissions [link] [comments]


2020.09.11 13:11 TheGamerone05 ho bisogno di un opinione

ciao mi diletto a scrivere e sto provando a scrivere qualcosina potreste per favore darmi un parere grazie, naturalmente qualsiasi consiglio, scena consigliata o altro ce uso sarà citata nei ringraziamenti.
i link sono canzoni che consiglio per leggere le varie scene

Escape to the infoworld
Capitolo 0: Il risveglio
Musica consigliata: https://www.youtube.com/watch?v=HuINhsEizk8

“C
-Cosa è s-successo dov-dove s-sono io mi ricordo solo un cd e poi tutto bianco io poi, io… un attimo chi sono io?” dissi poco prima che comparve lui: “Ciao TheGamer, io sono Tutoriolo ma gli amici mi chiamano Tuty, io ti spiegherò le basi dell’infoworld!”. “Un attimo, stai andando troppo veloce: dove siamo? chi sono? Perché mi trovo qui? E perché non sei un umano ma una graffetta volante?” dissi più confuso di prima, ma comunque lui era preparato e rispose tutto d’un colpo:” siamo in un videogioco, sei TheGamer, o almeno qui lo sei, ti trovi qui perché sei stato scelto per salvare questo mondo assieme al resto della squadra e sono una graffetta perché sono il personaggio del videogioco che ti spiegherà tutto, infatti mi chiamo Tutoriolo!” dopo quelle parole mi resi conto che non ero nel mondo reale!
Capitolo 1: il tutorial
M
i trovavo in una stanza costruita in un materiale alquanto strano era blu ed emetteva una strana luce; attaccato al soffitto c’era una scritta gigante che diceva:” TUTORIAL, davanti a me c’erano delle piattaforme di quello strano materiale sospese sulla lava, ma alcune erano leggermente crepate poi allungai lo sguardo e vidi dei mostri, più precisamente degli zombi fatti di paglia con sopra scritto:” lv.-100 hp 0,oooo1” sotto le scritte c’era una barra verde infine oltre al mostro vidi anche una porta chiusa affiancata da uno scrigno, infine mi girai e vidi un cartello con scritto:” comandi base: salto= fai un piccolo balzo per raggiungere posti elevati o distanti; scatto= consumi un Ps a secondo ma vai leggermente più veloce ideale per fughe tattiche; attacca= sfodera la tua arma e usala contro un nemico per infliggergli dei danni; attacco caricato= utilizzi alcuni Ps per infiggere maggiori danni.” “Ok ora passiamo alla pratica: salta su quelle piattaforme ma sappi che quelle leggermente crepate dopo un po’ crolleranno ma stai tranquillo se finisci nella lava ricomparirai qui!” all’ora mi buttai dato che se fossi morto sarei, come in ogni videogioco, respawnato quindi saltai e risaltai arrivai dall’altro lato giusto in tempo per vedere le piattaforme crollare nella lava e ricomparire in una nuvola di fumo dove erano prima!
Poi avanzai fino allo zombi di paglia e quindi provai a prenderlo a pugni dato che non avevo un’arma ma… non avevano effetto!!! Quindi arrivò Tuty che mi disse:” Immagina di avere la tua arma sulla schiena e afferrala!” allora ci provai e… mi si materializzò una spada di legno nella mano, quindi la mollai e riscomparì, ovviamente poi pensai vogli tantisimissimissimi soldi ma non funzionò poi Tut, che mi sembra un nome migliore di “Tuty” infatti d’ora in poi lo chiamerò così, riprese:” È così che puoi prendere gli oggetti che hai nell’inventario, se vuoi “fammi vedere cos’ho”.” Quindi la spiegazione sull’inventario, sapere gli oggetti che hai in questo momento puoi vederli pensando e i miei desideri di diventare ricco facilmente, finirono per far iniziare quella sul combattimento:” La vedi la barra sopra il mostro quelli sono i suoi HP cioè Healt Point ovvero i suoi punti vita, quest’ultimi sono elencati in cifra sopra la barra, di fianco ad essi è segnato il livello del mostro cioè la sua potenza quindi cerca di combattere sempre mostri con un livello inferiore o uguale al tuo, potrai vedere il tuo livello e le altre statistiche varie nel menù statistiche, lo puoi vedere pensando “statistiche”, lì puoi trovare tutte le tue caratteristiche numeriche.”. Quindi ci pensai e scoprii di essere orribilmente debole, beh in effetti ho appena iniziato, avevo: HP 10; velocità ricarica HP 1HPm; PS, ovvero Punti Scatto, 5; velocità ricarica PS 1PS m; velocità di movimento 1Ms; possibilità fuga perfetta 1%; possibilità schivata ottima 10%; possibilità di schivata perfetta1%; teletrasporto casuale entro 10 cm; LV complessivo 1. Anche se speravo meglio sono uno che si accontenta di poco.
Tut riprese:” Se riprendi la tua spada vedrai che sopra avrà delle statistiche: i PD sono i Punti Durata ovvero gli utilizzi che avrai di un oggetto prima che si rompa o semplicemente diventi inutilizzabile, potrai capire se si sta’ per rompere anche perché con il tempo si formeranno delle crepe su di essa; poi avrai i PA cioè i Punti Attacco che sono semplicemente i danni che fai con quell’oggetto, al di sotto di quest’ultimi trovi il livello dell’oggetto, il livello minimo da possedere per poterlo usare e una condizione da soddisfare sempre per poterlo utilizzare, di fianco trovi la rarità che può essere: comune, non comune, raro, epico, mitico e leggendario, queste ultime due rarità sono presenti solo delle armi della leggenda che possono essere impugnate solo dagli eroi prescelti e infine una breve descrizione dell’oggetto!” “Un’attimo cos’è questa leggenda? Me la puoi raccontare?” chiesi io impaziente, ma la risposta fu assai deludente:” Tutto a tempo debito ragazzo, ora combatti contro quel manichino e mostrami quale arma usi meglio!” provai: un bastone magico (utilizzato dai veggenti, dagli alchimisti e dagli stregoni, una spada(arma leggera usata dai soldati), una chitarra (usata dai cantastorie, quest’arma lancia melodie magiche capaci di curare i compagni, danneggiare i nemici e dare a tutti quelli che la sentono effetti particolari), un arco ( usato dalle retrovie degli eserciti), un martello ( arma pesante usata dai fabbri) ed un’ascia ( arma pesante usata dai boscaioli). Devo dire che con la spada mi trovo molto bene ma anche con il bastone magico, credo che lancerò incantesimi contro dei manichini come hobby!
Infine andai alla porta e provai ad aprirla ma era chiusa a chiave:” E qui comincia l’ultima parte del tutorial le porte e le chiavi: spesso per uscire dai dungeon ti serviranno delle chiavi diverse a seconda dello specifico luogo, principalmente si dividono in tre categorie: quelle piccole che ti servono per aprire una qualsia porta chiusa, quelle grandi che solitamente portano a sale importanti ma non possono essere messe nell’inventario o posate e pesano davvero molto e infine quelle rotte che per essere usate andranno riassemblate con tutti i loro pezzi perciò se non riesci a proseguire torna indietro e ricontrolla di non aver mancato nessuno scrigno!” finito di parlare Tut scomparve in una nuvola di fumo e al suo posto comparve un bigliettino con scritto:” Se ti serve aiuto urla il mio nome e io arriverò!” infine aprii la cassa, presi la chiave ed uscì dal tutorial: ora tutto dipendeva solo da me o almeno per adesso…
Capitolo 2: Piazza Menù
a
rrivai in un luogo che non mi ricordavo ma sapevo nei meandri della mia testa di averlo già visto: quella fontana circolare con al suo interno una statua d’oro massiccio che rappresentava quattro armi più precisamente quelle statemi fatte provare ma la loro forma era diversa sembravano come… ologrammi fatti di pixel molto grandi che lasciano dietro una scia dato che erano fatte per far sembrare che stessero roteando, ma poi notai in cima una specie di insieme di tutte quelle sotto ma al posto di essere d’oro era di un materiale scuro come la notte, anzi, probabilmente molto di più!
Sul bordo della fontana c’era una targhetta con scritto:” Le armi leggendarie contro l’arma del Lord che non ci ha ancora raggiunto” non sapevo cosa significasse ma sapevo che era qualcosa di importante.
Continuai a girare per un po' e vidi molti negozi che vendevano cose utili come armature o armi o anche cibi e pozioni e altri che invece li compravano, vidi anche de/i giochi qua e là ma non avevo soldi!
Ad un certo punto comparve, ma proprio non è arrivato/a si è proprio materializzato/a davanti a me, una persona strana vestita del tutto di nero: indossava pantaloni di tuta neri, coperti da una tunica con cappuccio nera aveva anche dei guanti ed un passamontagna che le coprivano ogni minimo millimetro di pelle ovviamente neri, l’unica parte del suo corpo che si vedeva erano i sui occhi rossi, mi disse:” Seguimi se vuoi vivere!” io inizialmente ero contrariato ma poi scorsi il manico di un’arma sotto la sua tunica e capii che era qualcuno che faceva sul serio!
Capitolo 3: il covo e la squadra
m
i portò in qualche vicolo per evitare le strade affollate e dopo qualche sottopassaggio, dopo aver controllato che non arrivasse nessuno premette su alcuni mattoni del muro quindi si apri un piccolo passaggio su esso dove si poteva scorgere una porta blindata in lontananza, entrammo e richiudemmo il passaggio, raggiungemmo la porta che IL TIPO/A bussò ritmicamente, mi sembra che il rimo giusto sia toctoctoc, toc… toc quindi infine si apri un’ultima finestrella dove una voce metallica, probabilmente modificata ci chiese:” PAroLA d’ORdinE?” “l’avatar è stato resettato!” rispose lui quindi, finalmente si apri quest’ultima porta mostrando… un salottino!?! Cioè, scusatemi, tutto questo per entrare in un salottino!? “Basta, me ne vado! Qui sono tutti pazzi!” pensai prima che Persona incappucciata disse:” Sai Gamer questo posto ha delle regole, una delle più importanti è le apparenze ingannano! Ah!” poi tirò fuori dalla tasca un piccolo telecomando con un interruttore che al momento era su:” on” e lo spostò su:” off” e la stanza iniziò a scomparire come se sul computer quando chiudessi un app non la chiudesse tutta insieme ma un poco alla volta come se la stanza fosse… un ologramma, ma la stanza ERA un ologramma! Al posto dei divanetti comparirono delle sedie d’ufficio, al posto dei muri intonacati minuziosamente delle placche di metallo ricoperte di monitor al posto del tavolino una stranissima piattaforma alquanto tecnologica e appesi sulle pareti una serie di poster con varie scritte tra cui: UNITEVI ALLA RIBELLIONE; NON FATEVI SOTTOMETTERE SENZA NEANCHE COMBATTERE; SE SAREMO UNITI BATTEREMO IL LORD; CHI NON È CON NOI È CON LUI!
Poi lui si tolse il cappuccio e vidi finalmente il suo viso: era un ragazzo dai capelli rossi con gli occhi rossi, no scusatemi aveva una parrucca e delle lenti a contatto per cambiare il colore degli occhi, in realtà ha i capelli biondi e gli occhi azzurri e mi disse:” Scusa per tutto ma la sicurezza non è mai troppa se vedi muri scrostati è che abbiamo finito il budget per l’apparecchiatura. Oh, è vero, non mi sono ancora presentato! Io sono Wordy-Game ma puoi chiamarmi anche Wordy! Poi ti presento anche Albominio, Filipter7193, Champion2000 e Gliterfire67 loro sono il resto della squadra e in questo momento sono in missione per indagare su un bug di Google sotto commissione dato che, come ti ho già detto abbiamo finito i fondi!” pochi secondi dopo la piattaforma si illuminò ed emise uno strano raggio bianco abbagliante verso l’alto, poi si materializzarono gli altri sulla piattaforma. Uno di loro disse senza accorgersi di me a Wordy:” Scusa per il ritardo, cosa è succ…” appena mi vide si blocco paralizzato!
Capitolo 4: le presentazioni.
l
oro mi fissarono per un po’ poi guardarono un monitor e tronarono a fissarmi infine lo stesso cambiando tono chiese a Wordy:” È lui?” e Wordy annui. Quindi sorrise e fece un segnale ad un altro che presentò tutto il gruppo: ce n’era uno alto con i capelli neri e gli occhi marroni- verdini, si chiamava Filipter7193, lui era il leader o almeno lo sarebbe stato ancora per poco ma non capii perché, la sua arma era un’ascia; poi c’era Wordy che usava il bastone magico e si occupava delle ricerche informatiche; ce n’era uno alto almeno il doppio di Filipter sempre con i capelli neri e gli occhi marroni, lui era Champio2000, si occupava solitamente lui delle spedizioni in paese dato che si era creato una falsa identità da molto tempo e quindi era il più conosciuto, la sua arma era il martello, quello che me li stava presentando si chiamava Albominio ed era il canta storie, la sua arma è una chitarra ed infine l’unica ragazza del gruppo Glitterfire67 aveva i capelli marroni e gli occhi dello stesso colore, la sua arma era l’arco.
Capitolo 5: la leggenda
Musica di accompagnamento consigliata: https://www.youtube.com/watch?v=ioiyFxRxIBc
P
oi Albo accennò due note con la chitarra e iniziò a suonarla quindi tutto intorno a noi cambiò, mutò da una stanza tecnologica ad un villaggeto piccolo e angusto ma c’era qualcosa di familiare… e poi la vidi, la statua che c’era al centro di Piazza Menù era la stessa. “Un tempo questo mondo era disabitato ma ogni tanto compariva qualcuno di senza memorie del suo passato e convinto che quello fosse il suo mondo viveva una vita normale evolvendolo e facendo scoperte nuove finché, qualche anno addietro, arrivò qualcuno senza perdere la memoria e sapendo tutto fece sprofondare il mondo nel caos più totale poiché diede l’annuncio che tutto questo era falso! Tenne purtroppo qualcosa per sé, si ricordava il gioco e la storia quindi sapeva tutto prima che sarebbe successo con questo potere, creò il suo esercito e conquisto il mondo usando un potere soprannaturale che solo lui possiede grazie ai suoi ricordi… le hack! Ma un giorno quando codesto posto era ormai una città fiorente la gente di questo luogo costruì una barriera protettiva alimentata con un minerale molto raro ma potente, infatti bastano pochi grammi per alimentare la barriera per un paio di anni. Nel frattempo un NPC di classe veggente al livello massimo vide che un giorno nel lontano futuro sarebbero arrivati dei combattenti che lui non poteva governare a liberare il mondo, sarebbero arrivati come persone normali, ma avrebbero eseguito un tutorial prima di svegliarsi che li avrebbe già istruiti su questo mondo, solo loro avrebbero potuto combattere il signore oscuro che domina le terre , solo loro avrebbero potuto impugnare la armi Mitiche e Leggendarie, ognuno di loro avrebbe dovuto emanare un’aurea mistica potente quanto il loro vero potenziale e avrebbero avuto più di una vita, ne sarebbe arrivato uno ad uno ogni anno finché non sarebbero stati abbastanza.
Pochi anni dopo la citta fu invasa e resa sotto il suo dominio ma c’era ancora una speranza, il veggente si nascose e creò questo posto allenandosi di nascosto e riuscendo a recuperare le armi sacre finché non iniziammo ad arrivare, a quel punto ci allenò uno ad uno insegnandoci le tecniche migliori e mandandoci in missioni per fermare la corruzione in questo mondo, purtroppo poco tempo prima che arrivò il leader si ammalò quindi insegnò tutto al primo arrivato e gli fece giurare che lo avrebbe allenato a qualunque costo dato che era lui la chiave per eliminare la corruzione di questo mondo e poco dopo venne a mancare e infine oggi sei arrivato tu, il vero leader!”
Capitolo 6: l’allenamento
Musica consigliata: https://www.youtube.com/watch?v=g2DlWIvfChs
q
uindi ora sapevo tutto: perché ero lì, cos’era quel luogo, sapevo ciò che dovevo fare!
“L’allenamento inizia ora!” disse Filip “Okay, sono pronto a tutto per dispensare giustizia!” risposi io.
Prima di tutto dovrai imparare a incassare i colpi e a resistere a temperature estreme: rimarrai chiuso per 12 ore a meno 50°C e 12 ore a 50°C mentre noi ti attaccheremo, ci fermeremo solo a tempo scaduto ma prima dovrai salvare così ogni volta che morirai tornerai qui e ripeterai l’allenamento e tutto si ripeterà, ma noi tutte le volte cambieremo attacchi così non potrai memorizzarli, dopotutto non ho mai detto che sarebbe stato facile, no?”.
Quindi iniziai estrai nella stanza ghiacciata, loro si disposero a cerchio intorno a me. Sentii un: tre, due, uno loro partirono scomparendo dalla mia vista, sentii una musichetta sinistra e di colpo non potei più muovermi, da lì in poi senti solo una fitta allo stomaco che iniziò a bruciare poi nero totale per qualche secondo e poi tornai indietro di qualche secondo poco prima del countdown e tutto riiniziò, morte dopo morte, ferita dopo ferità, goccia di sangue dopo goccia di sangue.
Ma dopo centinaia e centinai di tentativi ci riuscii, ero appena riuscito a resistere a quell’allenamento, ero così soddisfatto ma Fil distrusse quell’idea che avevo di esserci riuscito con una semplice frase:” Bene ce la fai al freddo se ci andiamo piano, ora vediamo al caldo se facciamo sul serio. Ah, mi stavo dimenticando non puoi salvare ora e la difficoltà aggiunta ce l’avrai anche al freddo, sono curioso di vedere se sopravvivi! Ah, ah!” quindi tutto riiniziò di nuovo ma più complesso, prima li vedevo, percepivo i loro movimenti, ora se ero fortunato sentivo l’aria muoversi prima dii morire. Così tutto riiniziò ancora e ancora e ancora.
Ma come si suol dire:” c’è sempre una prima volta e ed ebbi anche io la mia prima volta nel superare l’allenamento! “Per oggi può bastare così, se vuoi andare a riposare di lì a destra c’è un corridoio la camera in fondo è libera puoi usarla tu, se invece vuoi fare uno spuntino a sinistra c’è la cucina e se vuoi andare in salotto riattiva l’ologramma, siamo riusciti a renderlo tattile quindi funziona. Ah, me ne stavo dimenticando ecco il tuo telecomando per disattivarlo e attivarlo, ma mi raccomando non attivarlo mentre qualcuno è in missione e non potrà tornare indietro in camera tua troverai anche il tuo dispositivo di comunicazione e una cartelletta con le informazioni sulla tua falsa identità che dovrai usare in superfice, ah domani ti facciamo fare un giro furi cosi conosci un po' di gente!
Capitolo 7: andiamo a fare shopping
q
uando mi svegliai trovai gli altri a discutere su qualcosa, quindi, come avrebbe fatto chiunque altro, mi sono nascosto ad origliare, ma stavano discutendo da un po’ perciò non capii tutto, come, ad esempio, di cosa stavano parlando, ma qualcosa sentii, mi sembra che tutti stavano dicendo a Fil che ci stava andando troppo pesante, ma lui si difendeva dicendo che doveva essere pronto a tutto il prima possibile, ma poi qualcuno disse qualcosa e si risolse tutto in una bolla di sapone.
Finito tutto sono potuto entrare e fare colazione e mi ricordai che oggi sarei dovuto andare in superfice a far conoscere “il falso me” e iniziare a conoscere quel luogo quindi mi vestii e passai un’oretta a esercitarmi in quel ruolo imparando tutto le abitudini e i modi di fare di quel personaggio nella speranza che un giorno non ne arrivi uno davvero così quindi insieme al resto del gruppo mi diressi all’uscita che portava nell’appartamento di mr. Johnson, il rinomato scrittore(per chi non lo avessi avesse capito è la mia seconda identità!).
La squadra mi fece visitare i negozi migliori, insegnato a contrattare e a distinguere la merce di qualità da quella falsa quindi mi hanno dato un po’ di soldi e mi hanno lasciato.
Visitai i negozi di armi e di armature e ne presi un po’ di livello leggermente più alto del mio così dopo il primo livello che avrei affrontato le avrei potuto usare tutte e con questi scambi che mi hanno fatto risparmiare il non doverli ricomprare dopo poco ho ottenuto l’achievement:” risparmi per il futuro” e mi ha fatto salire di un livello e mezzo la fama ora sono un:” risparmiatore alle prime armi”.
Comunque per oggi sono soddisfatto, prendo qualcosa per il bunker e rientro, comunque credo di essere pronto per la mia prima missione!
Capitolo 8: la demo
a
ppena arrivai al bunker trovai gli altri a discutere, come al solito, quindi gli dissi:” Sento di essere pronto, posso affrontare la mia prima missione!” ci furono una pausa di nella quale si accesero gli occhi di qualcuno e si spensero quelli di qualcun altro ma scoprii di essere un accendino che è in movimento continuo vicino ad una bomba di discussioni:” Ma non puoi non sei pronto!” diceva Gliterfire “Si che può, è anche troppo tardi deve imparare e fare tutto il prima possibile e poi tanto se muore rinasce!” insisteva Filipter, si urlavano addosso finchè dalla bocca di Wordy usci la risposta a tutti i problemi:” Proviamo a fargli fare la demo, se ci riesce lo mandiamo altrimenti lo facciamo allenare ancora, non è semplice?”
submitted by TheGamerone05 to Libri [link] [comments]


2020.09.10 21:50 Panda_With_A_Tie Sentire la pausa tra un pensiero e l'altro - La mia estate

Siccome dal caffè di qualche giorno fa mi sono arrivati parecchi PM su questo profilo, ho deciso di condividere con voi quella che è stata una rivelazione per me, ovvero camminare/fare trekking

All'inizio di quest'anno, tra i vari buoni propositi che non ho assolutamente rispettato mi sono detto che dovevo iniziare a vivere la mia vita in maniera non passiva e fare quello che mi piaceva fare solamente perché mi andava di farlo...Una piccola premessa, vivo in un paesino del cavolo nel nord italia e non c'è assolutamente la cultura del trekking/lunghi cammini da queste parti, quindi è sempre una cosa che non ho potuto coltivare, per il semplice fatto del dover fare queste cose da solo.

I mesi passano ed ovviamente non allenandomi ma preparando tutto meticolosamente (da buon nerd quale sono), preparo quelli che sono i miei obiettivi annuali: Via degli dei a Luglio e Cammino di Santiago ad Agosto. Nonostante il lockdown avevo fiducia che la situazione sarebbe migliorata almeno in Italia/Europa per il periodo estivo e fortunatamente...così è stato? Mettiamola così.

*Transizione in slow motion con scritta a carattere Impact, grandezza "22"*
12 Luglio.
Giorno 0: Finisco di lavorare di domenica (faccio il panettiere) e con i soldi del buono pasto mi compro bottigliette d'acqua, un panzerotto, un tramezzino per il viaggio in treno. E' mezzogiorno e mezza, passano 3 ore e finito di controllare zaino e documenti salgo sul treno in direzione Milano Centrale. Da lì, aspettando un'altra oretta abbondante prendo il treno per Bologna Centrale. Frecciarossa, 3 sedili vuoti ed un tavolino e già mi sento un signore. Truth to be told, 5 minuti all'arrivo di Bologna mi accorgo della cosa ed inizio a rassettare TUTTO l'ambaradam che avevo tirato fuori. Insomma, umbrella academy poteva anche aspettare, no? Scendo dal treno, mi godo la città di bologna ed inizio a fare 4 chilometri a piedi passando dal centro per raggiungere l'hotel. Non male, la stanchezza comunque inizia a farsi sentire e dopo aver fatto check in, mi dirigo alla prima osteria in ciabatte, mangio e vado a ninne.
Giorno 1: Sveglia alle 7, uso un bicchiere per riempire la camel back dello zaino (dato che è troppo grossa per il lavandino), faccio colazione e per le 8.30 sono fuori dall'hotel in direzione Centro di Bologna. Prendo il pullman, perché comunque sono pigro dentro. Arrivato a destinazione riesco comunque a missare la statua del nettuno ed andare avanti un chilometro perché stavo scegliendo la playlist su spotify. Poco male. Arrivo alle 9 in piazza, trovo l'ufficio turismo chiuso e mi dirigo alla basilica di San Petronio per la credenziale. 2 Euro e si riparte. Qui incontro un signore di vicenza di 74 anni che cammina da quando ne aveva 13, intenzionato anche lui a fare la via degli dei. Ci incamminiamo, superiamo San Luca e ci lasciamo fare il primo timbro nei primi 5 chilometri del cammino. E' stata una bella tirata ed il mio mancato allenamento si fa sentire, ma poco male. Scendiamo già per il pratone, dove ci riforniamo di acqua e ci dirigiamo in direzione Sasso Marconi. Deviazione che ci porterà a Palazzo Rossi ed a una simpatica signora che ci offrirà un caffè ed offerta libera. Segnali Mancanti a parte, superiamo alcuni "strappetti" in direzione prati di Mugnano per poi dirigerci con salite e falsi piani verso Monte Adone. Io arrivo al B&B "Via degli Dei" un chilometro -circa- prima, del b&b del mio compagno di viaggio. Lì incontro quelli che sarebbero diventati -involontariamente- uno dei due gruppi di camminatori con cui avrei condiviso quest'avventura. Tutte coppie di amici o innamorati, tra cui molti santiaghisti e camminatori già provati. Nessun dolore alle gambe, ai piedi nessuna vescica. Mangio e vado a letto, tra russatori che mi fan scoprire l'ebbrezza delle playlist di youtube "white noise 8 hours". Dio le benedica.
Giorno 2: Il ginocchio sinistro da fastidio. E' solo un fastidio, non un dolore, ma è soltanto una preview di quello che sarebbe stato il mio compagno di viaggio per tutta la mia via degli Dei. Faccio Colazione, parto ed incontro il mio compagno del primo giorno al suo B&B dove ci eravamo dati appuntamento. Saliamo per monte Adone e dopo aver lasciato le nostre firme, ci aggiungiamo ad un gruppo di camminatori del secondo B&B. Scendiamo per il primo paesino, prima di passare per le campagne di Monzuno e poi salire al Paese, dopo una bella salitona. Una piccola pausa per riprendere fiato e ci addentriamo su per i monti, in direzione di Monte Galletto e le sue pale eoliche. Per strada ci capiterà di vedere un bellissimo "museo" open, fatto di opere contemporanee e con graffiti fantastici. Non è gestito nè nulla, ognuno va lì e si esprime come meglio crede, ovviamente nel rispetto della natura e delle costruzioni altrui. Camminiamo fino alle Pale Eoliche, passandoci a fianco e scendendo verso Madonna dei Fornelli. Un ora e mezza dopo si arriva in paese, dove dopo una foto di rito il gruppo si divide tra le varie strutture d'alloggio. Io, insieme a molti altri, sto al B&B "Ai romani", dove dopo essermi fatto una doccia e riposato un paio d'ore, posso sentire il ginocchio sinistro che mi sta bellamente abbandonando. Ceno, ci metto del ghiaccio sopra, pomata antiinfiammatoria e poi filo a letto sperando per il meglio.
Giorno 3: La destinazione di oggi è il passo della futa, il tratto della via degli dei con il maggior dislivello. Faccio colazione, aspetto gli altri compagni di viaggio e ci incamminiamo. Il ginocchio sinistro tiene botta, ritornando al fastidio originario della mattina prima, mentre anche il destro -mannaggia a lui- inizia a fare le bizze. Ma tengo botta, non è nulla di debilitante e semplicemente vado più piano senza spingere inutilmente. Si supera il confine tra Toscana ed Emilia Romagna, insegnando al nostro compagno anziano come si fanno i Selfie, cosa che poi viene subito utilizzata per le classiche foto di rito. Passando tra foreste meravigliose e prati infiniti si incontrano parecchi camminatori del primo giorno con cui ci si scambia qualche battuta prima di ripartire alla volta della Futa. La salita tira, ma quello che mi preoccupa di più -fattore ginocchia- sono le discese. Senza vantarmi troppo, me la cavo, scendendo in direzione del Cimitero Germanico (in cui entriamo per curiosità). Visita fatta, ci fermiamo per un boccone al muraglione che a quanto pare è parecchio noto tra i motociclisti. Qui il nostro gruppo si divide, con il signore di 74 anni ed altri due baldi giovani toscani che decidono di fare doppia tappa ed arrivare a san piero a sieve in giornata. Io, un altro signore (parecchio allenato) e le mie ginocchia, decidiamo di fermarci al camping il sergente. Da lì non avrei più rivisto il mio compagno di viaggio che concluderà il cammino un giorno prima di me. Dopo una discesa su asfalto di un paio di chilometri, si arriva alla meta. Ci si lava, ci si doccia e si riposa. Anche qui, si mangia e si va a letto, poche storie. Alla cena, scopro con grande piacere che molti mie conoscenze della camminata sono alloggiate lì e quindi ci si fa una birretta in allegria. Situazione vesciche: Nessuna. Ginocchia, stranamente non troppo doloranti.
Giorno 4: La tappa del giorno è San Piero a Sieve con la tappa al maggior dislivello in negativo che le mie gambe -ovviamente- stavano aspettando. Parto con il compare, attraversando sentieri sterrati e riprendendo il cammino da dove ci eravamo separati il giorno prima. Anche qui i boschi sono surreali da quanto son belli. Si sale fino al passo dell'osteria bruciata, prima di iniziare la discesa verso san piero a sieve, 4 chilometri più in là. La discesa stranamente mi è più famigliare ora e nonostante vada a farla con parecchia calma, arriviamo giù in valle con le gambe ancora intere. Ci si ferma a mangiare a Sant'Agata, dove si incontrano parecchi altri membri del gruppo per poi separarci con partenze alterne per San Piero a Sieve. Qui ho odiato la strada. Sole che picchiava, macchine che sfrecciavano che Valentino spostati (d'altronde siamo al mugello) e 15 chilometri d'asfalto che ci hanno letteralmente cotto i piedi. Arrivo all'affatticamere sulla via degli dei, mi riposo, riscontro la prima ed unica vescica sotto il piede e vado a mangiare con tutta la comitiva. Questa è stata la serata più bella, sia per la spensieratezza, sia per il fatto di essere quasi arrivati a Firenze (sottolineo il quasi). Facciamo amicizia con l'oste, che tra le altre cose mi offre pure un lavoro come panettiere, prima di imbarcarci verso l'affittacamere ed andare a letto. Le ginocchia oramai sono diventate quasi un callo e non ci faccio più caso.
Giorno 5: Qui ho fatto la cosa più intelligente di tutto il cammino, ovvero decidere di non arrivare a Firenze a fine giornata. La giornata preannunciava pioggia e ce la siamo beccata su Monte Senario, il punto peggiore sulla quale poteva capitare. Si cammina con l'augurio non troppo positivo del barista di San Piero a Sieve "L'è dura eh, che vi beccate la pioggia". Sto infamaccio. Scherzi a parte si inizia l'ascesa verso il monastero con la pioggia che nonostante tutto da un po' di sollievo dalla calura estiva. Arriviamo a Mezzogiorno e 40, con il bar dell'abbazia che chiudeva alle 12.30, giusto per non farci mancare niente. Ci scofaniamo il panino procurato la mattina al bar e riprendiamo la discesa verso le rispettive destinazioni. C'è chi va a Bivigliano e chi (come me) va a Vetta alle croci. Non avendo previsto questo spezzare di tappa, prenoto nell'unico posto "pettinato" di tutto il mio viaggio, ovvero un Agriturismo bellissimo con vista su Firenze che mi costa circa 70 euro, ma vabbeh, ci stava. Ci tornerei ad occhi chiusi. Si cena all'hotel Dino, poco più su e si va a dormire poco più tardi. Più o meno due ore prima, il mio compagno di 74 anni stava prendendo il treno da Firenze per tornarsene a casa.
Giorno 6: Il dolore alle ginocchia oramai è diventato nullo e carichi come molle ci facciamo una colazione con prosciutto crudo e uova, prima di recuperare un paio di persone che si sono avventurate giù per Fiesole. E' una discesa unica, con un'unica salita iniziale per salire in cresta ed aggirare Fiesole da sinistra. Qui le mie gambe iniziano ad accusare tutta la fatica dei giorni passati ed i dolori tornano. Stringendo i denti, si continua a scendere, con io così tanto concentrato sul camminare che manco totalmente il cartello che annuncia l'inizio di Firenze. Ci si addentra in città e ci si avvicina sempre di più a Piazza Maggiore. Chiudo i miei bastoncini, tiro su la testa e mi dirigo con gli altri verso la meta. Seguo maniacalmente Google Maps, ringraziando ogni singolo 100 metri che viene macinato. Si supera l'inizio del centro storico, un paio di Chiese e finalmente vedo la fontana, il palazzo e la statua del David. Siamo Arrivati. Ammetto che nel momento stesso in cui abbiamo finito il cammino ho buttato gli scarponi nello zaino e mi sono messo in modalità Ciabatta. Dopo 10 minuti di riposo, ci siamo incamminati al Mercato Centrale di Firenze per una bella Fiorentina. Ultimi saluti ed i miei ultimi 3 compagni si dirigono alla stazione. Io rimarrò in città un giorno in più per vedere gli uffizi e mangiarmi una focaccia all'antico vinaio. Soddisfatto dell'impresa ho imparato la lezione e da quel giorno mi sono impegnato al rafforzamento delle gambe in previsione del mio prossimo lungo cammino.
Con la situazione galoppante in Spagna, non me la sono sentita di andare a fare il cammino -che rimanderò all'anno prossimo- optando per il grande giro del Garda, con cui vi annoierò (in caso questo recap piaccia) la prossima volta.
Come diceva Lucarelli "Ma questa è un'altra storia"
submitted by Panda_With_A_Tie to italy [link] [comments]